Lui la violenta, lei lo perdona e lo sposa. Il ringraziamento: massacrata di botte

Venerdì 12 Aprile 2019
Abusata sessualmente e picchiata dall’uomo con il quale ha prima convissuto a Teramo e dopo ci si è sposata quando ha creduto che lui non avrebbe più commesso quell’orrendo gesto dopo un periodo passato a curarsi. Ma l’errore è stato proprio ridargli fiducia perché in un momento di rabbia il suo orco è tornato ad essere quello di prima. Una vicenda che si sarebbe consumata tra le mura domestiche dove spesso oltre all’affetto si consumano purtroppo anche momenti d’odio profondo. Come quello avvenuto, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, tra una coppia di 35enni, lei teramana, lui d’origini nigeriane.

L’uomo, che ieri non era presente nell’aula del Tribunale, è finito a processo accusato di violenza sessuale e lesioni aggravate. I fatti contestati risalgono al 2014. All’epoca i due convivevano. Lei lo aveva conosciuto da qualche tempo e se n’era innamorato. Ieri, è stata la stessa donna, in aula, a confermare tutte le accuse dopo essere stata accompagnata coattivamente dai Carabinieri per essere sentita. «Lui è malato – ha raccontato ai giudici nell’udienza che si è svolta a porte chiuse -. Quando mi ha violentata aveva gli occhi fuori dalle orbite, mi parlava nella sua lingua». Quel giorno, dopo aver abusato della sua compagna, il nigeriano fu allontanato dall’abitazione e sottoposto, in seguito, ad un trattamento sanitario obbligatorio. Quando arrivarono i Carabinieri, trovarono la donna con gli abiti strappati e sotto shock. Ma terminato il periodo di cura, fu proprio lei a volergli dare una seconda opportunità, convinta che il 35enne "si fosse curato".

E’ in quella seconda fase della loro storia che la coppia decide di sposarsi. L’uomo, però, improvvisamente un giorno la "massacra di botte". Lo ha raccontato la donna. Un episodio che, però, non fa parte dell’attuale contestazione. Sulla base degli elementi del dibattimento, i giudici del collegio hanno quindi incaricato un perito, lo psichiatra Gianferruccio Canfora. Sarà lui che adesso dovrà stabilire se il nigeriano accusato di violenza sessuale nei confronti della sua ex sia attualmente capace di partecipare al processo; se fosse capace di intendere e volere al momento del fatto e se risulta socialmente pericoloso. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma