Casa dello Studente, scampati al crollo: risarciti con 500 mila euro

Casa dello Studente, scampati al crollo: risarciti con 500 mila euro
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura

L'AQUILA - Scampati miracolosamente al crollo della Casa dello studente con 8 morti, ma segnati ugualmente dall'immane tragedia. A loro è stata riconosciuta la sindrome post traumatica da stress e per questo dovranno essere risarciti dalla Regione e Adsu.

L'importante pronunciamento è stato emesso dal Tribunale civile dell'Aquila (giudice Monica Croci) che con una serie di sentenze ha riconosciuto il danno subìto dalle vittime sopravvissute nella notte del 6 aprile 2009. Tre gli studenti (assistiti dagli avvocati Wania Della Vigna e Guido Felice De Luca) della somma di 100mila euro, 190mila euro ed infine 250 mila euro.

«Queste sentenze- ha detto Della Vigna- segnano un punto di svolta nella giurisprudenza civile; per la prima volta un ente pubblico territoriale quale la Regione e l'Azienda per il diritto agli studi universitari vengono riconosciuti come responsabili di risarcimenti per le lesioni di giovani studenti universitari, oltre che per la morte dei poveri giovani sotto le macerie; inoltre le sentenze sono importanti perché affermano il riconoscimento giuridico della sindrome post traumatica da stress per i sopravvissuti ad un crollo».

Per il giudice Croci «sussiste la responsabilità dei due enti: la Regione in quanto proprietaria dell'edificio e l'Adsu in quanto usuaria dello stesso con obbligo di manutenzione ordinaria e straordinaria. Come noto, l'art.2053, c.c. pone in capo al proprietario la responsabilità per i danni derivanti dalla rovina di un edificio. A ciò si aggiunga che, nel caso di specie, la legge attribuisce all'Adsu anche l'obbligo di manutenzione straordinaria, sottraendolo al proprietario.

«Risulta positivamente accertato- si legge sempre nella sentenza- che l'immobile collassò per proprio per vizi originari di costruzione e per la difettosa manutenzione dello stesso, eseguita in dispregio delle cautele che avrebbero dovuto governare l'operazione».

Pertanto accertata la responsabilità degli enti oltre che dei tecnici, condannati in via definitiva, la Croci alla luce delle consulenze medico legali ha riconosciuto «la sussistenza del disturbo post-traumatico da stress e quindi deve ritenersi sussistente il danno alla salute psichica».

Dal momento che le sentenze sono immediatamente esecutive, i due legali colgono l'occasione per invitare il Governatore della Regione Abruzzo e le assicurazioni per l'Adsu ad adempiere al pagamento del risarcimento dovuto, «adempimento che purtroppo non si è ancora verificato. Si ricorda-concludono i due legali- che la prima sentenza civile di condanna per la Regione, in ordine di tempo, per i familiari di un ragazzo deceduto chiamato Michelone risale all'agosto 2018 e finora non è stato ancora pagato nulla ai familiari ed entro questo anno si attende la decisione della Corte d'Appello dell'Aquila».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 10 Giugno 2021, 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA