L’Aquila, proposta programmatica dei candidati del Pd sull’impiantistica sportiva

Martedì 22 Gennaio 2019 di Daniela Rosone
L’AQUILA - Un piano strategico degli impianti sportivi della provincia dell’Aquila per poter mettere a sistema le varie strutture, razionalizzare e ottimizzare tutte le azioni di riqualificazione per rendere il territorio più  attrattivo e capace di catturare eventi nazionali e internazionali che possano portare ricadute economiche ai territori. È la seconda proposta programmatica dei due candidati del Pd alle prossime elezioni regionali Pierpaolo Pietrucci e Patrizia Masciovecchio. La prima è stata quella relativa alla fiscalità di vantaggio con la riduzione o addirittura in alcuni casi l’azzeramento dell’Irap per le piccole e medie imprese delle aree interne. Pietrucci ha ricordato anche le battaglie intraprese nella scorsa legislatura per riuscire a portare eventi di una certa caratura sul territorio, come ad esempio i Master di atletica per i quali la città si classificò, come si ricorderà, seconda. In quell’occasione ci si è resi conto, ha sostenuto, di cosa manca per fare il salto di qualità. Il consigliere regionale uscente ha rimarcato l’esigenza di creare un sistema degli impianti sportivi, un patrimonio integrato collegato attraverso i trasporti e messo in rete assieme ai servizi, compresi quelli di accoglienza. Per Patrizia Masciovecchio investire sull’impiantistica sportiva vuol dire portare economia nei territori. << È importante - ha detto - anche tenere in considerazione il nuovo ciclo di programmazione europea: se i progetti sono validi potranno avere il sostegno dell’Ue >>. La Masciovecchio ha rimarcato il fatto che ormai lavorare settorialmente non ha senso, di qui l’importanza di fare rete. Per i due candidati, ad ogni modo, per troppi anni non si progettato ed è mancata una visione strategica. L’obiettivo è anche quello di arrivare ad un protocollo con Comuni e Università per avere fondi anche attraverso il credito sportivo che è una bella possibilità. 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua