L’Aquila, Barilla dieci anni dopo per San Demetrio

Mercoledì 25 Settembre 2019 di Daniela Rosone
L’AQUILA - A dieci anni dal sisma il gruppo Barilla rilancia l’impegno per le comunità locali e lo ha fatto di nuovo a San Demetrio nè Vestini con una donazione che permetterà a bambini ed adulti di fare palestra tutto l’anno grazie grazie ad una struttura rinnovata e ancora più fruibile con un moderno sistema di termoregolazione e con il potenziamento di ciò che già esisteva. Ma non solo.

San Demetrio avrà a disposizione anche una nuova cucina professionale con sala polifunzionale che sarà usata, oltre che per preparare i pasti, anche per corsi ed attività di educazione alimentare. Non si tratta dell’unico impegno del gruppo Barilla a favore dell’Istituto Comprensivo perché già dieci anni fa ci fu una donazione per la ricostruzione della scuola in meno di 100 giorni dal sisma e della palestra.

Amicizia e collaborazione che si sono rinnovate anche nel giorno della quinta festa dello sport, alla presenza di Paolo Barilla vice presidente del gruppo e di tante istituzioni locali e non solo, perché era presente anche il sindaco di Parma. Ad accogliere i presenti il sindaco di San Demetrio Silvano Cappelli che ha parlato di nuova rinascita e il preside dell’Istituto Antonio Lattanzi che ha ricordato come la scuola in centri come il loro sia davvero fondamentale come presidio.

Più di 450 bambini hanno fatto da cornice all’evento durante il quale a Paolo Barilla è stato consegnato un riconoscimento. “Siamo felici - ha detto Paolo Barilla - di aver contribuito a rendere la palestra della Cittadella Scolastica ancora più funzionale cosi da permettere a tutti i bambini di poter giocare e praticare attività fisica con ancora maggiore comodità. Ci auguriamo allo stesso tempo che la nuova cucina con sala polifunzionale diventi un luogo di aggregazione dove i bambini e i ragazzi possano sviluppare conoscenze legate alla sana alimentazione e allo sviluppo di stili di vita corretti”. 


 Tra le testimonianze più significative quella di Elisa Climastone, dieci anni fa era il sindaco dei ragazzi nell’Istituto Comprensivo. 
“ Ricordo con emozione l’inaugurazione della Cittadella scolastica - dice - fu un momento importante: non riaprire la scuola a San Demetrio avrebbe potuto comportarne la desertificazione. Era il 19 settembre, sulla nostra comunità si accendevano i riflettori nazionali: il lunedì successivo tutti gli studenti dell’Istituto Comprensivo sarebbero stati i primi, in tutto il cratere aquilano, ad entrare in una scuola vera, sicura, dopo la tragedia”.

E non poteva mancare il pasta party organizzato dagli “Angeli Barilla” ( dipendenti del gruppo e volontari di Protezione Civile) con la colonna mobile, camion cucina mobile realizzato nel 2014 da Barilla, in collaborazione con la Protezione Civile di Parma, attivo quattro ore dopo la chiamata d’emergenza, che può erogare fino a 500 pasti caldi l’ora. L’obiettivo è quello di garantire la preparazione e somministrazione di alimenti nelle prime ore sia ai Volontari di protezione Civile impegnati che alla popolazione.  La Colonna Mobile d’emergenza si avvale del supporto di un parco di 100 volontari della Protezione Civile, dipendenti dell’azienda, che hanno intrapreso un percorso di formazione e oggi possono portare il loro contributo laddove necessario. Il progetto della Colonna Mobile è stato fortemente supportato dalla Famiglia Barilla che, fin dall’alluvione in Piemonte del 1994, collabora attivamente con la Protezione Civile Nazionale.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma