Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nasconde l'insulina e rompe l'apparecchio dell'ossigeno per l'anziana madre: «Dammi i soldi per la droga». Arrestata

Nasconde l'insulina e rompe l'apparecchio dell'ossigeno per l'anziana madre: «Dammi i soldi per la droga». Arrestata
di Marcello Ianni
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Aprile 2022, 10:47

A leggere le contestazioni mosse dai carabinieri si fa fatica: una figlia che non si è fatta scrupolo nell’aggredire la mamma invalida al 100 per cento arrivando anche a rompere l’apparecchio della bombola di ossigeno indispensabile per l’anziana e a rubarle o a mandare in rovina scatole di insulina. Per questi motivi, i carabinieri della stazione di San Demetrio, diretti dal maresciallo Mario Aloisio, al termine di accertamenti investigativi del pm Roberta D’Avolio, hanno arrestato Emanuela Silveri Bernabeo, 43 anni, nota per fatti analoghi compiuti in passato alle forze dell’ordine. Per l’indagata, assistita dall’avvocato Roberto Tinari, si sono aperte le porte del carcere di Chieti al culmine di altre e gravi condotte vessatorie e aggressorie nei riguardi della madre, invalida al 100%, affetta da diabete, non deambulante e con difficoltà respiratorie tali da determinare il costante uso di bombole di ossigeno. Alcol e droga alla base dei frequenti litigi e minacce di morte: «Chiama i carabinieri ma prima che arrivano sei morta, io ti ammazzo».

Droga, due operazione anti-spaccio. Il colonnello Caputo: «I corrieri sono spesso lavoratori precari o disoccupati»


L’arrestata è accusata di aver estratto dalla borsa un pugnale poggiandolo sul tavolino. La 43enne a un certo punto non si è fatta scrupolo nel comprimere il viso della mamma sul suo petto facendole mancare il respiro danneggiando l’apparecchio della bombola di ossigeno. Con una stecca della zanzariera ha colpito l’invalida. Con un bastone passa stracci, ha colpito sul viso l’anziana alla quale ha versato addosso anche acqua. Non contenta, l’indagata ha asportato dal frigo 4 scatole di insulina della madre: «Mi fai schifo», le ha detto prima di danneggiare suppellettili. In un’altra occasione la donna ha staccato la presa del frigorifero dove c’erano i medicinali della mamma. L’arrestata ha anche tagliato il tubo dell’impianto della bombola impedendo l’attività di ossigenoterapia in corso. Giunti carabinieri la donna li ha aggrediti, arrivando anche mordere la gamba di uno dei militari, entrambi costretti a fare ricorso alle cure dei medici del Pronto soccorso.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA