Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Adolescenti al terminal distruggono percorso Covid, l’ira del sindaco

Adolescenti al terminal distruggono percorso Covid, l’ira del sindaco
1 Minuto di Lettura
Venerdì 29 Maggio 2020, 09:40 - Ultimo aggiornamento: 15:40

L‘AQUILA - Adolescenti annoiati che bivaccano al tapis roulant del terminal di Collemaggio distruggendo il percorso anti Covid creato dagli operai. Le telecamere li hanno ripresi ma, questa volta, è stato direttamente il sindaco Biondi a pubblicarle sul suo profilo con un lungo commento che riportiamo integrale: 

“ Ho decine di foto dell’altro ieri pomeriggio, provenienti dalle telecamere interne al tunnel del terminal di Collemaggio che ritraggono un gruppo di adolescenti, forse annoiati, sicuramente poco attenti, che divelgono il percorso anti covid allestito solo la mattina dai dipendenti comunali.

Adesso vi dico cosa ho pensato quando le ho viste. Maleducazione, superficialità, mancata consapevolezza del lavoro duro di tante persone, faciloneria con cui si priva un popolo di un servizio che tutti indistintamente contribuiamo a costruire, mancate percezione e responsabilità del bene pubblico. 

Grazie all’assessore Mannetti e a tutto il personale che ieri, alla vista delle immagini del tunnel, hanno provato sconforto e rabbia per un bel progetto deturpato con sciatteria e menefreghismo. 

Le foto saranno consegnate alle autorità competenti per tutte le determinazioni e le sanzioni conseguenti. 

Ci piacerebbe dedicarci solo ed esclusivamente alle cose belle, ma siamo costretti a investire buona parte delle nostre energie a riparare quello che qualcuno non cura e qualcun altro rompe. Questo episodio è solo uno dei tanti che sono, purtroppo, costretto a vedere”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA