Vasto, 19enne annegato in mare con un peso di 40 chili ai piedi. L'ipotesi di una sfida social. Lo zio: «E' un omicidio»

Il pensiero è che possa esserci stata una sfida tra giovani, una sorta di iniziazione, a portare il 19enne alla morte

Jois, 19 anni, trovato in mare con una zavorra ai piedi. Lo zio: «E' un omicidio»
di Giuseppe Ritucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 08:19 - Ultimo aggiornamento: 15:27

Continuano gli appelli della famiglia di Jois Pedone per far luce sulla morte del giovane, trovato senza vita in mare lo scorso 22 agosto a Vasto. Alla caviglia aveva un peso di 40 chili, un borsone pieno di sabbia. L'autopsia ha indicato l'annegamento come causa della morte. Ma tanti sono gli interrogativi ancora senza risposta. Lo zio, Rino Pedone, ha ribadito che si «è trattato di un omicidio». L'ipotesi emersa nelle prime ore, quella del gesto volontario, continua a non convincere la famiglia del giovane vastese che si stava preparando per tornare all'università a Parma e, durante l'estate, ha lavorato come cameriere. Il pensiero è che possa esserci stata una sfida tra giovani, una sorta di iniziazione, a portare il 19enne alla morte. «Secondo me è un miscuglio tra la verosimilità della challenge - ha spiegato lo zio di Jois nell'intervista -, la trappola con la quale lui potrebbe essere stato attirato sul posto per questa challenge, mettiamola così, e il fatto che coloro che abbiano voluto ammazzarlo si siano mascherati dietro a questa challenge».

Lorenzo Toffolini, malore in auto per l'ex dirigente dell'Udinese: rianimato per 50 minuti, muore a 65 anni

La sfida social

Un'ipotesi, quella della sfida tra giovani, che trae origine dalla maglietta indossata dal giovane, su cui ci sarebbe stata la scritta «benvenuto». Un dettaglio di cui lo zio di Jois ha parlato nell'ultima puntata di Chi l'ha visto?, dove ha partecipato con Pia Regina, nonna del giovane, e i legali della famiglia, Carmine Di Risio e Concetta Di Risio. La Procura di Vasto sta andando avanti nelle indagini, dopo l'apertura di un fascicolo per il reato di istigazione al suicidio. Ma, al momento, non trapelano ulteriori notizie. I familiari non si rassegnano, convinti che Jois non abbia potuto elaborare da solo tutti i passaggi che poi lo hanno condotto alla morte. Si rinnova l'appello affinchè «se c'è qualcuno che sa qualcosa, che ha visto qualcosa, che ha notizie, le faccia sapere», aiutando così il lavoro degli inquirenti che va avanti senza sosta non tralasciando nessuna pista.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA