Teramo, travolto dal trattore: muore padre di tre figli

Teramo, investito dal trattore: muore padre di tre figli
di Tito Di Persio
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Maggio 2021, 08:30 - Ultimo aggiornamento: 18:45


A causa di un tragico incidente sul lavoro nelle campagne tra Rocciano e Rapino, tra Teramo e Montorio, ha perso la vita Tommaso Mancini, 53 anni, di Teramo. La tragedia è avvenuta ieri sera verso le 18.30. Stando ad una prima ricostruzione il 53enne era impegnato a tagliare folte erbacce in un campo. Per cause, ancora in fase di accertamento da parte dei carabinieri intervenuti sul luogo per le indagini, sembrerebbe che Mancini fosse sceso dal mezzo e sia stato travolto dal suo stesso trattore che forse si è sfrenato


Mancini è stato travolto ed è morto per  profonde ferite e traumi. A chiamare i soccorsi è stato un altro trattorista. Sul posto è arrivato in pochissimo tempo il personale medico con un'ambulanza medicalizzata, ma non ha potuto far altro che constatare il decesso. Il 53enne sarebbe morto a causa di una forte emorragia. Il pm di turno ha disposto il sequestrp del mezzo agricolo e fatto trasportare la salma del 53enne all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo, che rimarrà a disposizione della magistratura. Molto probabilmente verrà fatto anche l'esame autoptico. 

Sul tragico incidente sul lavoro costato la vita all'agricoltore è stato aperto un fascicolo. Ad indagare i carabinieri della stazione di Teramo. In mattinata, sempre stando a quando si apprende, verranno ascoltati alcuni testimoni e riascoltate le persone sentire ieri sera subito dopo l'incidente. Sono ancora molti gli aspetti da chiarire. Tommaso Mancini, sposato con tre figli, era originario della frazione di Rocciano, che fa parte del comune di Teramo e il terreno dove è successa la tragedia è di proprietà dei suoi genitori, titolari dell'azienda agricola dove lavorava anche lui.

L'uomo era molto conosciuto nella zona. Chi lo conosceva racconta che «Tommaso era nato su un trattore» e che faceva da sempre questo lavoro da bambino. Quindi una persona molto esperta, che sapeva il fatto suo. Tra l'altro, come testimoniano anche le foto sul suo profilo Facebook, con i trattori lavorava su tutti i terreni della provincia teramana, sia per tagliare l'erba che come aratore e fresatore per altri imprenditori agricoli. Il suo ultimo post: «La gente vede sente e parla. Purtroppo però vede male, sente poco e parla troppo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA