Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giulianova, bimbo di 6 anni infilza la matita nella guancia del compagno di banco

Giulianova, bimbo di 6 anni infilza la matita nella guancia del compagno di banco
di Francesco Marcozzi
2 Minuti di Lettura
Sabato 8 Ottobre 2016, 16:39
Trafigge con una matita la guancia del compagno di banco. Il bambino, 6 anni, in lacrime e dolorante, viene soccorso dalla maestra e subito trasportato al Pronto soccorso di Giulianova. Botte e liti tra compagni, a scuola, sono sicuramente all’ordine del giorno. Ma in questo caso il bisticcio tra due bambini di prima elementare ha avuto conseguenze serie. Il fatto si è verificato in una scuola primaria di Giulianova nel corso delle lezioni di ieri mattina. I due bambini hanno cominciato a litigare e sembrava che la cosa dovesse finire lì. Ed invece il finale è stato ben diverso. Ad un certo punto uno dei due piccoli ha afferrato una matita e con questa ha colpito il compagno ad una guancia, trafiggendola e facendogli perdere sangue.

Il bambino ha cominciato a strillare ed è stato immediatamente soccorso dalla maestra che si trovava a fare lezione (non c’è ancora una versione ufficiale da parte della direzione scolastica). Di certo, alla vista del sangue, l’insegnante, dopo aver tamponato con l’auito del personale di servizio, la ferita, ha nel contempo richiesto l’intervento dell’ambulanza del 118. Questa è arrivata tempestivamente a scuola, il piccolo è stato sistemato a bordo ed stato trasportato al Pronto soccorso. Qui, i sanitari , dopo aver calmato il bambino, hanno dovuto procedere a suturare la ferita emettendo una prognosi di dieci giorni e dimettendolo quando sono arrivati i genitori. Gli stessi genitori vogliono che si faccia chiarezza ed è per questo che si sarebbero rivolti ai carabinieri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA