Scontro in moto, Toni muore a 31 anni dopo cinque giorni

Scontro in moto, Toni muore a 31 anni dopo cinque giorni
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 08:01

Una nuova tragedia a Giulianova: morto un motociclista. Non ce l'ha fatta Toni Levacovic, 31 anni, residente con la famiglia nel quartiere La Rocca, nella parte alta della città. Il giovane giovedì scorso era in sella a una moto Honda di grossa cilindrata, quando, all'incrocio con un'attività commerciale, che si affaccia sulla Giulianova-Teramo, è entrato in collisione con una Fiat 500 L, condotta da una 76enne di Giulianova. A seguito dello scontro il giovane è stato sbalzato dalla moto e, dopo aver compiuto un volo, è caduto con violenza sull'asfalto.


Una scena drammatica, cui hanno assistito alcune persone che si trovavano nella zona. Sul posto è arrivata immediatamente un'ambulanza dell'ospedale di Giulianova ma, una volta al pronto soccorso, i sanitari hanno constatato le gravi condizioni e hanno disposto il trasporto al Mazzini di Teramo. Qui i medici hanno riscontrato gravissime ferite, fratture e un serio trauma cranico ed è stato subito sottoposto a intervento chirurgico, effettuato dall'equipe del dottor Corrado Lucantoni. I medici hanno provveduto alla rimozione di un grosso ematoma intracranico, poi il ricovero in rianimazione, ma Levacovic, purtroppo, non si è mai ripreso: ieri mattina è sopraggiunto il decesso. Il motociclista aveva riportato altri gravi traumi (al bacino, all'anca e lesioni polmonari) per cui la sua vita era davvero appesa a un filo: ha lottato tra al vita e le morte per quattro giorni.

La salma è stata ricomposta nell'obitorio dell'ospedale di Teramo. La vittima viveva con le due figlie e una nuova compagnia in un'abitazione del quartiere La Rocca ed era un motociclista esperto, ma che ha trovato davanti a sé un ostacolo improvviso. Nello scontro la donna ha riportato solo delle contusioni. Sull'accaduto indaga la polizia municipale di Giulianova che si è subito portata sul posto per accertare eventuali responsabilità. Inizialmente si indagava per lesioni personali gravissime, mentre ora, in caso di responsabilità accertata, il reato si tramuterebbe in omicidio stradale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA