Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Club alpino "Verso la Perdonanza 2022"

da sinistra Sette, Marinucci e Della Pelle nella conferenza stampa in Municipio
di Sabrina Giangrande
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Marzo 2022, 16:34

L'AQUILA Il Cai dell’Aquila ha presentato in Municipio il programma del progetto “Verso la Perdonanza 2022-gli eremi di Celestino”. Alla conferenza stampa presenti per il Cai, Luca Sette referente e accompagnatore escursionismo, il vicepresidente Ugo Marinucci e il consigliere comunale Giancarlo Della Pelle in rappresentanza del sindaco Biondi.

«Il Cai è la cultura della montagna- ha affermato Sette- è, il sapersi muovere e conoscere i luoghi, richiede una grande esperienza, una giusta preparazione e noi del Cai, con il volontariato, diamo attraverso i corsi. Nell’ambito del calendario del Cai, abbiamo voluto creare questa manifestazione.»

A partire da giovedì 3 marzo ci sarà il primo di una serie di incontri (in tutto cinque, di diversa tipologia): “Dante, Silone e la Perdonanza”, presentazione multimediale prevista per le 17 presso la sede del Cai in via Sassa, 34; Maria Grazia Lopardi: “La Basilica di Collemaggio” il 7 aprile; Massimo Alesii, del Comitato festa Perdonanza: “Il riconoscimento Unesco della Perdonanza”, il 5 maggio; "Il significato religioso del perdono”, il 2 giugno; proiezione docufilm su Celestino V “Siate pronti” di Giuseppe Tandoi, il 7 luglio.

Gli appuntamenti in sezione si alterneranno con due escursioni turistiche aperte a tutti: il 10 aprile presso l’eremo di S. Spirito a Majella e il 12 giugno in quello di S. Bartolomeo in Legio entrambi nel Comune di Roccamorice (Pe).

«Ringrazio il Comune per il patrocinio- ha dichiarato Marinucci- il Cai dell’Aquila intende riempire di contenuti la Perdonanza. Nello stesso anno in cui la Perdonanza è stata riconosciuta patrimonio Unesco è stato incluso anche l’alpinismo e questo assume per noi un ulteriore significato. Siamo affascinati dal fatto che la Perdonanza ruoti attorno alla figura di Celestino, al suo cammino e a questi eremi che andremo a visitare. Il prossimo anno celebreremo i centocinquant’anni di una delle sezioni del Cai tra le più antiche e importanti del centro sud con più di mille soci».

«Un plauso a questo programma- ha concluso Della Pelle- perché, con le attività proposte, tenete vivo il messaggio della Perdonanza quest’anno ancor più sentito vista la presenza del Papa. E’ prevista anche la creazione di un grande murales che ripercorre le tappe principali di Celestino».
Sabrina Giangrande
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA