Pensionato vince 100mila euro: «Sarà un bel Natale». Caccia al fortunato

Giovedì 10 Dicembre 2020 di Tito Di Persio
Pensionato vince 100mila euro: «Sarà un bel Natale». Caccia al fortunato

E’ caccia a Roseto al fortunato pensionato che ha vinto 100 mila euro con soli due euro. Tutti a chiedersi chi sia l’80enne baciato dalla Dea bendata in provincia di Teramo. La notizia della vincita si è subito sparsa in città. La curiosità è tanta, ma al bar Rosso di Sera, dopo è stato acquistato il tagliando vincente, dicono di non sapere il nome: «Non è un cliente abitale, non sappiamo chi sia, ma quando se ne è andato era molto felice», dice il titolare del bar.

 

 Roseto non si parla d’altro ed è diventato subito popolare il bar di piazza Ungheria. Nel locale dove il giorno prima dell’Immacolata un fortunato pensionato ha fatto “scopa”, vincendo 100mila euro con un biglietto del Gratta e Vinci di soli due euro. L’anziano, probabilmente un pensionato di passaggio, racconta il titolare del bar Lello De Luca, era entrato appena dopo l’ora di pranzo per bere un caffè. Poi sempre stando al racconto di De Luca, mentre prendeva il resto ha chiesto se poteva scegliere un biglietto in mezzo ad una pila di ticket attaccati nella parete posteriore del bancone. Il barman ha detto che non c’era nessun problema e l’uomo ha preso il tagliando ed è uscito. Dopo circa 10 minuti è tornato al bar, convinto di dover riscuotere una piccola vincita, 10 euro. «Ma si sbagliava – dice Lello De Luca – quando ho preso in mano il tagliando per pagarlo mi sono accorto che di zeri ce e erano molti di più». Addirittura erano 100mila euro.

“Miliardario maxi", il super fortunato ora può ritirare i cinque milioni vinti a ottobre

La Dea Bendata torna a baciare l’Abruzzo e in particolare la provincia di Teramo dove lo scorso 7 febbraio sono stati vinti 5 milioni di euro grazie a “Il Miliardario Maxi” a Crognaleto. Ma questi 100mila euro fanno ancora più piacere perché arrivano in un momento di grande scoraggiamento con la pandemia Covid che non lascia spazio alla speranza. L’80enne, che vive con una piccola pensione e non naviga certo nell’oro, ora potrà guardare al futuro con più ottimismo. E lo farà anche il titolare del bar. «Prima di andare via - dice Lello De Luca – il pensionato mi si è avvicinato e a bassa voce mi ha detto: “Non sarò l’unico a passare un felice Natale. Il giorno stesso che mi accreditano i soldi, passo e faccio un bel regalo a te e al barista”. In un momento di crisi come questa, dove la mia tipologia di attività commerciale è tra le più colpite, di certo, qualche soldino mi farebbe davvero comodo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA