Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abruzzo pride, mille in corteo a Teramo: c'è anche la drag queen Nausica Vamp

Abruzzo pride, mille in corteo a Teramo: c'è anche la drag queen Nausica Vamp
di Alessandro Misson
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 09:35

«Siate forti, gentili, orgogliosi e soprattutto virtuosi». Con le parole della drag queen Nausicaa Vamp ieri pomeriggio si è aperto a Teramo il 3° Abruzzo Pride, la giornata dell'orgoglio Lgbtquia+. La prima manifestazione in regione del post Covid dopo quelle di Pescara e L'Aquila, per la prima volta con una sfilata in centro. Grande partecipazione all'iniziativa, oltre un migliaio di persone, la maggior parte giovani arrivati dalle quattro province abruzzesi, ma anche da Marche, Molise e Puglia. Dal raduno di Porta Madonna hanno sfilato con musica e balli lungo il corso vecchio fino a piazza Martiri della Libertà passando lungo corso San Giorgio con le bandiere delle associazioni della galassia arcobaleno. Dopo le prese di posizione ufficiali da parte del Comune, che ha dato il patrocinio, dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo, della Cgil, di UniTe con Scienze della Comunicazione, degli universitari dell'Udu, Rifondazione, i sindaci Anci, Amnesty International, Naturisti, Collettivo Menapace, Atei/Agnostici e Famiglie Arcobaleno (presente al corteo con genitori e bimbi), durante la sfilata è arrivata l'accettazione da parte di tanti teramani presenti in centro che hanno visto sfilare la chiassosa processione colorata.


Qualcuno ha approfittato per ballare un po' al ritmo sparato dalle casse del palco mobile da un Dj d'eccezione, lo scrittore Giovanni Di Iacovo, ex vicesindaco e oggi capogruppo di minoranza a Pescara; qualcun altro per un selfie o una diretta social, altri ancora incuriositi affacciati alle finestre o sui terrazzi; una nonna teramana addirittura seduta in prima fila a godersi lo spettacolo con la sua sedia.


«C'è ancora bisogno di iniziative di questo tipo - hanno dichiarato Fabio Milillo e Manuela Di Nardo del coordinamento Abruzzo Pride - Oltre alla conquista dei diritti degli ultimi anni, va ribadita la lotta contro ogni forma di omolesbotransfobia. Giornate come questa servono per sentirsi corpi liberi dal pregiudizio, un modo per dire che esistiamo e che per un giorno non contano quelle differenze che 365 giorni l'anno viviamo in famiglia, a scuola, al lavoro. Non è più un gay pride, è una giornata contro tutte le discriminazioni, contro la vergogna e la marginalizzazione, per la libertà e l'autodeterminazione». Presenti all'iniziativa anche gli amministratori comunali: «Su certi temi non può esserci divisione - affermano l'assessore al Sociale Ilaria De Sanctis e la consigliera Cpo Graziella Cordone - Questa iniziativa è un'espressione libera di parità, nel rispetto dei diritti e della diversità». «E' una giornata importante per Teramo, una giornata per i diritti dal forte significato politico. Esistiamo e non chiediamo il permesso a nessuno», ha dichiarato Mauro Angelozzi, dello sportello nuovi diritti Cgil. Anche il sindaco Gianguido D'Alberto ha tenuto ad esserci sul palco di piazza Martiri per parlare di Teramo città inclusiva, ma anche di Costituzione e di diritti che non vanno concessi ma riconosciuti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA