Pescara, l'ultimo saluto al giornalista televisivo Renzo Labarile

Martedì 28 Luglio 2020
Pescara, l'ultimo saluto al giornalista televisivo Renzo Labarile
Questa mattina alle 10,30 a Pescara, nella chiesa di Sant'Antonio, si svolgerà il funerale del giornalista televisivo Renzo Labarile, morto ieri all'età di 76 anni. Di seguito il pezzo di Mila Cantagallo per il Messaggero:


L’ultima trasmissione l’aveva condotta con voce stanca ed il fisico provato alla fine di giugno. Aveva dato appuntamento ai telespettatori in autunno con il suo programma Rete 8 Economy ma il sorriso pacifico di Lorenzo "Renzo" Labarile si è spento per sempre all'alba di ieri, nel reparto di rianimazione dell'ospedale civile Santo Spirito. Popolare mezzobusto della tv, il giornalista era da quarant'anni un punto di riferimento dell'informazione regionale e non aveva mai smesso di lavorare nonostante i postumi di una grave malattia che lo aveva colpito nel 2013. All’alba di ieri il suo fisico ha ceduto, a poche ore dal ricovero nel nosocomio pescarese. L’ultimo sorriso lo ha rivolto alla moglie Aleksandra Lazic, cantante lirica e amore di una vita, che lo ha accompagnato in Pronto Soccorso nella notte tra sabato e domenica. Trasferito nella Divisione di Geriatria, le sue condizioni sono gradualmente peggiorate.

Con la scomparsa del cronista, l’Abruzzo perde una voce storica dell’informazione televisiva, un direttore che ha forgiato giornalisti del piccolo schermo locale e nazionale. Una presenza discreta, elegante, velatamente ironica che entrava educatamente nelle case dei telespettatori. Abruzzese di adozione e pugliese di nascita, Lorenzo Labarile era nato 76 anni fa a Sant’Eramo in Colle, in provincia di Bari. Dopo un’educazione scolastica religiosa ricevuta in un collegio, si era trasferito a Roma per lavorare come funzionario nella Comunicazione della Democrazia Cristiana, operando a stretto contatto con figure chiave del partito come Aldo Moro, Franco Tritto, Nicola Rana, Benigno Zaccagnini. A metà degli anni ’70 lo scudocrociato lo aveva portato in Abruzzo, prima a San Salvo poi a Pescara dove, negli anni ’80, aveva iniziato anche la carriera televisiva come direttore dell’emittente Antenna 10 e, successivamente, di Teleabruzzo Regionale e Rete 8. La sua notorietà tra la gente era cresciuta soprattutto grazie alle tribune elettorali, alle trasmissioni “Lo Specchio” e successivamente “Rete 8 Economy” di cui era ideatore ed anchorman, in onda ogni lunedì sera. Dai primi anni ’90 era anche consulente del Pastificio F.lli De Cecco SpA per le Relazioni Esterne.

Le precarie condizioni di salute con cui il giornalista televisivo lottava ostinatamente da tempo, senza mai rinunciare al lavoro, sono precipitate circa due settimane fa. Nella notte tra sabato e domenica, il trasporto d’urgenza in ospedale dove è sopraggiunta la morte. I funerali si svolgono stamane alle 10 presso la chiesa di Sant’Antonio. Presso l'obitorio dell'Ospedale Civile, tanti colleghi, amici e conoscenti ieri hanno reso omaggio alla salma di Renzo Labarile ch , oltre alla consorte Aleksandra, lascia le sorelle Giovanna, Nica e cinque nipoti. Messaggi di cordoglio per il giornalista scomparso giungono dal Gruppo De Cecco e da esponenti politici locali come il presidente del Consiglio Regionale Lorenzo Sospiri che scrive: "E’ stato e resterà un interprete di primo piano del mondo mediatico con conduzioni esemplari di programmi in cui il confronto pacato e concreto ha sempre prevalso". Il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale Guerino Testa aggiunge: "Lo ricorderò sempre per la franchezza, l’eleganza ed un tocco di ironia che hanno sempre contraddistinto le convinzioni di cui era portatore". L'ex sindaco di Pescara Marco Alessandrini rimpiange e ringrazia "Un volto caro a tanti perché parte della nascita e dello sviluppo dell’informazione televisiva abruzzese". © RIPRODUZIONE RISERVATA