Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I “Giganti del mare” dall'Abruzzo al Gargano, un film sulla storia dei trabocchi

I Giganti del mare dall'Abruzzo al Gargano, un film sulla storia dei trabocchi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Settembre 2020, 08:27
Un viaggio a bordo di una barca a vela, da Giulianova a Vieste, dall’Abruzzo al Gargano, passando per il Molise, per 130 miglia nautiche. Un film documentario pensato per il mercato televisivo italiano e internazionale alla scoperta dei trabocchi e dei “traboccanti”, artigiani, pescatori e funamboli, che ancora oggi sono in grado di costruire e di utilizzare le immaginifiche macchine da pesca ancorate alla roccia e protese sul mare con le loro lunghe antenne e reti a maglie strette.

Questo in sintesi il progetto del film “I Giganti del Mare”, a firma di Studio Kairos di Parma, per la regia dell’abruzzese Daniele di Domenico, e sostenuto dalla Camera di Commercio di Chieti e Pescara presentato sabato nel corso della tavola rotonda “Destinazione Costa dei trabocchi”, al porto turistico Marina di Pescara, nell'ambito di Ecomob, l'unica expo di cultura eco sostenibile del centro-sud Italia. 

L'avventura comincerà il 12 settembre da Giulianova, dove una barca a vela salperà alla volta di Ortona, prima tappa del viaggio, che proseguirà a bordo di ebike e scooter elettrici sulla pista ciclopedonale fino a Vasto, dove la barca tornerà a veleggiare da Vasto a Termoli, in Molise, e poi da lì alla volta del Gargano in Puglia, con tappe a Peschici e a Vieste, dove il viaggio si concluderà il 26 settembre. Le riprese e la post-produzione saranno completate in autunno, con lancio del film documentario previsto tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021,
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA