Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il consigliere comunale festeggia il compleanno, nell'alloggio scoppia un furioso incendio

Il consigliere comunale festeggia il compleanno, nell'alloggio scoppia un furioso incendio
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 08:24

Fiamme alte fino a dieci metri, che in pochissimo tempo hanno divorato una struttura in legno e zinco, ribattezzata la farchia e costruita negli anni e utilizzata per momenti conviviali e di festa, minacciando l'abitazione adiacente. Solo l'intervento tempestivo dei Vigili del Fuoco, ha impedito che le lingue di fuoco, alimentate da legna e paglia, si propagassero oltre attaccando la casa.

Una festa di compleanno si è purtroppo trasformata in una notte di paura l'altro ieri sera intorno alle 23 a San Martino sulla Marrucina, in una casa ubicata ai margini della strada provinciale che conduce al centro abitato, nei pressi della chiesa del Suffragio. Il consigliere comunale Mauro Dell'Arciprete stava tagliando la torta in famiglia (una quindicina le persone presenti), del suo 31esimo compleanno, quando all'improvviso, dopo uno scricchiolio, sono divampate le fiamme. Si è provato a spegnere subito l'incendio con l'acqua del pozzo ma il motore di pompaggio non si è attivato e ciò fa propendere per un corto circuito all'origine del rogo. Ma non si può escludere che a scatenare l'incendio sia stata una scintilla del barbecue trasportata da un colpo di vento.

Scattato l'allarme sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco, che hanno lavorato oltre 4 ore, i Carabinieri, un'ambulanza del 118 e il sindaco di San Martino sulla Marrucina, Antonio Masciarelli: C'è stata una grande partecipazione e vicinanza di tutta la comunità- sottolinea il sindaco Masciarelli - che si è data da fare anche dopo l'intervento dei vigili del fuoco, sia per manifestare un supporto morale alla famiglia Dell'Arciprete sia fattivamente per dare una mano con mezzi propri. Per domare le fiamme, infatti, c'è stato bisogno anche di un intervento con le ruspe per rimuovere ben 200 quintali di legna accatastati .Nel rogo fortunatamente non ci sono stati ne ustionati né intossicati, mentre non c'è stato nulla da fare per 15 galline.

© RIPRODUZIONE RISERVATA