Febbo, ancora aperte questioni per accesso alle spiagge abruzzesi

Febbo, ancora aperte questioni per accesso alle spiagge abruzzesi
1 Minuto di Lettura
Lunedì 11 Maggio 2020, 19:23 - Ultimo aggiornamento: 21:20

«Operatori turistici e Comuni della costa abruzzese devono avere, il prima possibile, strumenti e certezze per definire e organizzare il distanziamento sanitario negli stabilimenti balneari e per la gestione delle spiagge libere». Lo dichiara l'assessore regionale al Turismo Mauro Febbo a margine dell'incontro con il collega al Demanio Nicola Campitelli, Capitaneria di Porto, ufficio Demanio Marittimo della Regione e i sindaci delle località marine abruzzesi. «La Regione - sottolinea Febbo - è in attesa, da parte del Governo, di notizie circa le linee guida per imprese turistiche che gestiscono stabilimenti balneari al fine di indicare le modalità più idonee per prevenire il rischio di contagio da Covid. Oggi il presidente Marsilio parteciperà alla Conferenza Stato Regioni e speriamo di avere indicazioni più precise. Abbiamo lavorato per riaprire il primo giugno la stagione estiva e continua a essere questo un nostro concreto obiettivo». Ancora in piedi la questione salvataggio e i protocolli sanitari per i servizi igienici.
Coronavirus, flash mob dei balneari a Pescara: «Vogliamo riaprire»
I sindaci della costa: «Regione impegni fondi per rendere sicure anche le spiagge libere»

© RIPRODUZIONE RISERVATA