Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ragazzi dispersi sulla Majella, si salvano grazie al segnale del gps

Ragazzi dispersi sulla Majella, si salvano grazie al segnale del gps
1 Minuto di Lettura
Sabato 17 Agosto 2019, 09:06

Poco prima della mezzanotte si sono concluse le operazioni di recupero di due escursionisti di 27 e 28 anni, rispettivamente di Pescara e Cepagatti, bloccati sul monte Amaro, la cima più elevata della Majella, in Abruzzo. I due ragazzi, dopo essersi allontanati dal resto della comitiva di amici per fare una piccola escursione, hanno infatti perso il sentiero a causa della nebbia e si sono ritrovati nella Rava della Vespa, località situata sul versante di Santa Eufemia e caratterizzata da un territorio impervio per la presenza di pericolosi salti di roccia anche di
altezza notevole.

A dare l'allarme sono stati innanzitutto i ragazzi, seguiti poi dal papà di uno dei due che è riuscito a sentirli prima che le comunicazioni si facessero difficoltose. Hanno subito dichiarato di
essere in buone condizioni di salute, anche se molto assettati e piuttosto infreddoliti.

Raggiunti dai soccorritori intorno alle 22, grazie anche alle coordinate gps inviate con i loro smartphone e rivelatesi corrette, da subito sono stati collaborativi e autonomamente, sotto la guida e il controllo dei tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico, hanno proseguito a piedi fino a valle. Ad attenderli per vagliare le reali condizioni di salute era presente anche una ambulanza del 118.

© RIPRODUZIONE RISERVATA