Nuova giunta Marsilio, falsa partenza: Forza Italia abbandona il tavolo delle trattative

Giovedì 21 Febbraio 2019 di Stefano Dascoli
PESCARA - Il coordinatore regionale di Forza Italia, Nazario Pagano, ha abbandonato, già nelle primissime battute, il primo tavolo ufficiale tra partiti per trattare la composizione della nuova giunta regionale guidata da Marco Marsilio. E’ riesploso, in modo clamoroso, il cosiddetto caso Scoccia: forte dell’accordo nazionale su base federativa tra Tajani (Fi) e il segretario nazionale dell’Udc Cesa, Pagano ha esordito dinanzi agli alleati (Bellachioma per la Lega, Sigismondi per Fratelli d’Italia e Zelli per Azione politica), dicendo di parlare a nome di quattro consiglieri. I tre di Forza Italia, appunto, e Marianna Scoccia, eletta nella lista Udc-Dc-Idea dopo essere stata inserita in extremis, nonostante un veto preciso dettato dall’essere moglie di Andrea Gerosolimo, ex assessore della giunta D’Alfonso. Il tavolo, in modo particolare Zelli, ma anche Sigismondi, ha nettamente respinto questa posizione. Per motivi politici, certamente, ma anche aritmetici: con quattro consiglieri Pagano ha rivendicato due posizioni in giunta, una di troppo secondo le altre forze. E così il coordinatore azzurro si è alzato e se n’è andato, abbandonando repentinamente la discussione. Più tardi, al Messaggero, ha chiarito la posizione: «Siamo il partito che l’ha creato il centrodestra, non ci sottrarremo a un accordo, ma alla presenza del governatore Marsilio. E’ evidente che il presidente della Regione non può sottrarsi a una responsabilità che è innanzitutto sua».

La riunione è poi andata avanti senza Pagano. L’accordo finale, se di accordo si può parlare, dovrà passare il vaglio delle segreterie nazionali. Si è partiti da queste richieste: la Lega vuole cinque posizioni, ovvero quattro assessori più la presidenza del Consiglio. A quel punto il tavolo ha formulato una controproposta di tre assessori più la vice presidenza del consiglio. Fratelli d’Italia rivendica un assessorato, ma Bellachioma ha fatto presente che il partito ha sia il governatore che, probabilmente, il sottosegretario. Il coordinatore della Lega parlerà a Salvini e deciderà se fare un passo indietro o meno. Anche Azione Politica rivendica una posizione, mentre a Forza Italia è stato attribuito un posto, in contumacia.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma