Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abruzzo, Leo Castiglione confermato sindaco di Ortona

Abruzzo, Leo Castiglione confermato sindaco di Ortona
1 Minuto di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2022, 08:18

Leo Castiglione si conferma sindaco di Ortona con 5.663 preferenze, pari al 51,11%, superando al
ballottaggio Ilario Cocciola che ha totalizzato 5.416 voti pari al 48,89%. Nel primo turno Castiglione, che ha guidato l'amministrazione comunale negli ultimi cinque anni, ha avuto il sostegno delle liste Il Comune delle idee, La città ideale, Ortona Civica, Forza Leo per Ortona, Cittadini Consapevoli. Ilario Cocciola - sostenuto da Ortona Popolare, Ortona Coraggiosa, Il Faro, Unione di Centro, Ortona Cambia, Democratici per Ortona, Ortona Territorio - al ballottaggio si è apparentato con le liste che hanno sostenuto il candidato
sindaco Angelo Di Nardo, ovvero Ortona Sociale, Lega Salvini Abruzzo, Fratelli d'Italia, Libertà e Bene Comune, Ortona Futura.


«Esiste qualcuno al di sopra di noi, esiste una giustizia e credo che sia stata fatta giustizia perché ha vinto l'onestà degli ortonesi, ha vinto la nostra coerenza, la nostra serietà, il nostro rispetto verso sia i cittadini, sia verso i miei candidati, la mia squadra - ha detto Castiglione commentando il risultato elettorale - Ringrazio gli 80 candidati, a loro va tutto il mio ringraziamento per quello che hanno fatto, sarò il sindaco di tutti, anzi prima di quelli che non mi hanno votato. Noi siamo una squadra, non siamo quelli che si uniscono per
vincere, ma non per amministrare. Per fortuna che questo non è accaduto perché la coalizione del mio rivale avrebbe potuto vincere, ma sicuramente non amministrare la città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA