Covid Abruzzo, positivi dopo il mega party con 500 studenti: scattano le denunce al liceo

Covid, positivi dopo il mega party con 500 studenti: scattano le denunce al liceo
di Manlio Biancone
2 Minuti di Lettura
Domenica 19 Dicembre 2021, 09:13 - Ultimo aggiornamento: 09:20

Scattano le denunce dopo la festa organizzata dagli studenti del Liceo Scientifico di Avezzano V. Pollione in un noto locale nel territorio di Aielli. Intanto il vicesindaco, Domenico Di Berardino, ieri ha diramato una nuova ordinanza di chiusura dell'Istituto fino al 22 dicembre prossimo per il focolaio Covid esploso dopo la festa a cui hanno partecipato circa 500 studenti. «E' stato lo stesso Dipartimento di prevenzione della Asl- precisa il vicesindaco- a chiedere la proroga dell'interruzione della didattica per i molteplici contagi che si stanno registrando tra gli studenti. Ad oggi sono circa trenta i contagiati ma non si esclude un aumento nei prossimi giorni a conclusione dello screening molecolare attivato dalla Asl per scongiurare la diffusione in città».

Capodanno 2021 a Roma, feste annullate e caccia ai party clandestini: si potrà andare in discoteca?


I carabinieri avrebbero rimesso al magistrato inquirente una prima informativa dove appunto sarebbero stati denunciati i responsabili del focolaio. Non si esclude che nei prossimi giorni vengano iscritti sul registrato degli indagati con l'accusa di aver provocato un focolaio da coronavirus con risvolti sociali facilmente comprensibili. Secondo una prima ricostruzione sarebbero stati circa quattrocento i giovani che hanno partecipato alla cena che sono diventati più di cinquecento durante il dopocena, allietata da musica e balli. Dopo la festa i ragazzi sono andati a scuola il 9, il 10 e l'11 dicembre: in questi tre giorni, effettivamente sono emersi casi sparsi di positività al virus tra le classi. E' per questo che il vicesindaco, su richieste del dirigente scolastico, ha ordinato la chiusura dell'Istituto fino al 18 dicembre e che ieri è stata prolungata fino al 22 dicembre su richiesta di Angela Perrozzi, responsabile del servizio di prevenzione della Asl.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA