CORONAVIRUS

Coronavirus, morto il veterinario della zona rossa: il caso in tv

Lunedì 13 Aprile 2020 di Tito Di Persio
Eraldo De Santis

E' morto il veterinario della Asl, Eraldo De Santis, 65 anni, di Notaresco, in provincia di Teramo. Da dieci giorni era ricoverato al Covid hospital di Atri e lottava contro il Coronavirus. Era intubato, in gravi condizioni ma stabile. Per lui,  persona molto stimata e conosciuta, era in apprensione tutta la cittadina abruzzese. E' morto la sera di Pasqua. Il padre Giuseppe, 94 anni, era deceduto il 21 marzo, sempre a causa del Covid-19.
Coronavirus Teramo, padre e figlio morti nello stesso ospedale: «Ora tamponi a tutti»
Eraldo era un veterinario della Valle del Fino, oggi zona rossa con alta incidenza di contagi e morti, e con ogni probabilità ha contratto il virus frequentando la zona per lavoro. Il fratello Enzo, dentista, è anche lui positivo e ricoverato all'ospedale di Atri in condizioni stabili.
Continuano i contagi nella zona rossa: infettato un veterinario


Il veterinario era soprannomiato “la Roccia”. Distrutto dal dolore il sindaco di Montefino, Ernesto Piccari, suo grande amico, contagiato anche lui dal virus e per alcuni giorni ricoverato ad Atri con Eraldo: si sono ritrovati insieme nella stessa stanza, lui ce l'ha fatta, il veterinario no. Il sindaco di Notaresco, Diego Di Bonaventura gli ha dedicato una poesia su Facebook.

 
Decine i messaggi di cordoglio per questa famiglia decimata dal Covid-19. Il caso di questa famiglia è stato trattati dalla Rai nei giorni scorsi.

Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 13:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA