CORONAVIRUS

Coronavirus, salgono a venti i morti nella casa di riposo Don Orione

Lunedì 9 Novembre 2020 di Manlio Biancone
Coronavirus, salgono a venti i morti nella casa di riposo Don Orione

Salgono a venti le vittime alla Rsa dell’Istituto Don Orione di Avezzano. Ieri é morta un’altra anziana, Rina Antonioli, 93 anni, ricoverata, per covid, al reparto malattie infettive dell’ospedale di Avezzano. Sempre ieri è deceduta per il coronavirus una donna di 72 anni di Castellafiume, Assuntina Di Cintio, che era stata ricoverata in ospedale per una crisi respiratoria . E’ morto al Pronto soccorso, contagiato dal covid, Giuseppe Scipioni, 85 anni di Magliano dei Marsi. Diventa elevato il bilancio delle vittime alla rsa Don Orione dove erano risultati positivi al Covid ben 102 persone tra ospiti e operatori. Anche il direttore della struttura, padre Vittorio Quaranta, è stato contagiato ma da alcuni giorni si è negativizzato ed è tornato al lavoro.

La struttura attualmente è commissariata dalla Asl 1 e all’interno operano sette Usca, composta da cinque medici, che si alternano durante le 24 ore Dopo il maxi focolaio l’Istituto Don Orione è diventato inaccessibile ai familiari tra le proteste dei familiari che vogliono vedere i genitori. E’ sempre critica la situazione dell’ospedale di Avezzano: ambulanze in coda, personale costretto a turni massacranti e ad alto rischio di contagio. In particolare la situazione più drammatica è quella che si registra al pronto soccorso, dove ogni giorno arrivano tra i 50 e i 70 pazienti. L’85% ha sintomi da Covid-19 e il malato è assistito anche sull’ambulanza, visto che il trattamento principale consiste nella somministrazione di ossigeno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA