Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, positiva in Abruzzo la consigliera regionale Marianna Scoccia

Coronavirus, positiva in Abruzzo la consigliera regionale Marianna Scoccia
di Patrizio Iavarone
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Gennaio 2021, 09:03

Coronavirus, in Abruzzo c’è anche la consigliera regionale Marianna Scoccia tra i quattordici casi (tredici in Valle Peligna e uno residente a Torre de Passeri) che ieri hanno interessato il territorio del Centro Abruzzo e in particolar modo le scuole dove si è aggravato il bilancio dei positivi tra i banchi, specie nella primaria Lombardo-Radice. Ben undici di questi nuovi casi sono infatti riferibili alle scuole: sette studenti, un docente e un addetto Ata alla elementare di via Marcante, a cui si aggiunge uno studente di una classe quinta del liceo scientifico Fermi residente a Torre de Passeri.

La Scoccia era in isolamento da martedì tanto da aver partecipato alla seduta del consiglio in remoto. La Scoccia aveva accusato già da giorni sintomi chiari riconducibili al Covid e ieri è arrivata la conferma del tampone molecolare. La Asl ha disposto la chiusura di altre tre classi: una seconda e una quarta della Lombardo-Radice e la quinta del liceo scientifico Fermi (dove i casi di positività e di classi in quarantena salgono a due). In realtà una parte della scuola elementare, quella che è alloggiata nella sede dell’ex Cescot, resterà chiusa fino a lunedì prossimo: la dirigente Gabriella Di Mascio ha infatti disposto la didattica a distanza fino a venerdì anche per l’unica delle sei classi non interessate da casi accertati di Covid.

Riapre oggi, invece, la sede attigua della stessa scuola che è ospitata nell’ex Cim, mentre non è mai stata chiusa (se non una classe in quarantena) la sede del confettificio. I quattordici casi di ieri sono quasi tutti di Sulmona, tranne un docente che è di Cansano, lo studente del Fermi che è di Torre de Passeri e la sindaca di Prezza Scoccia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA