Coronavirus, dimesso a Chieti paziente curato con farmaco sperimentale

Coronavirus, dimesso a Chieti paziente curato con farmaco sperimentale
1 Minuto di Lettura
Sabato 28 Marzo 2020, 17:16

Sembra dare buoni risultati nell’Ospedale di Chieti l’uso sperimentale del Tocilizumab sui pazienti con Covid-19. E’ stato infatti dimesso dalla Clinica di Malattie infettive un trentenne trattato con questo farmaco, utilizzato da circa venti giorni al “SS. Annunziata”. Com’è noto, si tratta di una preparazione che contiene molecole già impiegate nella cura dell’artrite reumatoide e in grado di ridurre l’infiammazione che causa danni agli organi. 

«Nel Policlinico sono in trattamento oltre cento pazienti con terapie antivirali standard - spiega Jacopo Vecchiet, responsabile dell’unità operativa e ordinario di Malattie infettive all’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara -. Sono inoltre in corso diverse terapie sperimentali usate nei casi più critici. Una decina di pazienti sono in trattamento con il Tocilizumab e tre con il Remdesivir, farmaco innovativo utilizzato per il trattamento dell’Ebola». Chieti è tra i pochi centri Italiani a cui è stato concesso l’utilizzo del farmaco. I numeri non consentono ancora, pe

© RIPRODUZIONE RISERVATA