CORONAVIRUS

Coronavirus, gli eroi dimenticati: infermieri in piazza

Martedì 9 Giugno 2020
La manifestazione degli infermieri sotto l'Assessorato regionale alla Sanità a Pescara

Li hanno definiti «eroi della battaglia contro il Covid-19»,  è stato promesso loro un riconoscimento per lo straordinario impegno svolto "nelle trincee" dei reparti Covid e nelle terapie intensive degli ospedali, ma di concreto non hanno avuto nulla. Stanchi di prese in giro, ieri gli infermieri sono scesi in piazza a Pescara davanti all'Assessorato regionale alla Sanità e, armati di striscioni e cartelli, hanno dato vita a un flashmob organizzato dal sindacato NurSind Abruzzo «per non dimenticare e onorare i colleghi deceduti a causa del Covid-19 (40 in tutta Italia di cui 1 in Abruzzo) e per manifestare tutto il dissenso e il disappunto in riferimento al mancato riconoscimento professionale ed economico promessi durante la fase acuta della pandemia e che oggi, con l’emergenza in via di risoluzione, sembrano già dimenticati».

LEGGI ANCHE Famiglie in difficoltà per il coronavirus, arrivano i soldi della Regione

Infatti, sostiene in una nota il Sindacato delle professioni infermieristiche, «da alcuni documenti analizzati, sembrerebbe che le istituzioni si stiano già dimenticando degli Eroi, cioè infermieri, tecnici sanitari, Oss e autisti di ambulanze che hanno pagato un prezzo altissimo anche, tra l’altro, per la carenza dei dispositivi di protezione individuale, che non sono stati precocemente messi a disposizione. In Abruzzo i Fondi Regionali finora stanziati sono insufficienti e iniqua è la loro ripartizione, visto che la stessa sembrerebbe escludere da qualsivoglia riconoscimento o indennizzo anche i colleghi che hanno avuto la “colpa” di essere stati contagiati dal virus, in quanto operanti in reparti cosiddetti “Covid free”, che evidentemente tali non erano».

LEGGI ANCHE Covid, il virus allenta: zero morti, nessun nuovo caso e più di 2.000 guariti

 «Abbiamo combattuto spesso a mani nude, senza dpi idonei e lontano dalle nostre famiglie per paura del contagio, ci siamo sostituiti agli affetti più cari dei nostri pazienti. Gli infermieri italiani sono i meno pagati d’Europa, dopo gli elogi non vogliamo che il ritorno alla normalità faccia dimenticare ciò che é successo» ha commentatoi il coordinatore regionale del NurSind, Andrea Liberatore.

Ultimo aggiornamento: 12:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA