Coronavirus, l'Abruzzo resta bicolore. Ecco i sette Comuni che entrano in zona rossa

Coronavirus, l'Abruzzo resta bicolore. Ecco i sette Comuni che entrano in zona rossa
di Stefano Dascoli
2 Minuti di Lettura
Sabato 6 Marzo 2021, 08:35

L'Abruzzo non potrà ambire a tornare in zona gialla prima della fine di marzo. E' quanto è emerso dal monitoraggio settimanale della Cabina di regia nazionale sull'andamento dell'epidemia di Covid. Confermata la fascia arancione, ma la classificazione complessiva del rischio resta alta, soprattutto a causa degli ospedali pieni, e questo non fa scattare ufficialmente il miglioramento che deve durare almeno 14 giorni. Per questa ragione ben che vada ci sarà ancora un lungo periodo di fascia arancione.

Peraltro al monitoraggio nazionale si è aggiunto ieri quello regionale che ha varato una sorta di zona rossa più leggera per non confonderla con quella appena varata dal primo decreto firmato dal premier Mario Draghi. In questa fascia, che già comprendeva 27 comuni, ne entrano da domani altri sette, come stabilisce un'ordinanza firmata dal governatore Marco Marsilio nella serata di ieri: in provincia di Pescara Castiglione a Casauria e Torre de' Passeri; in quella dell'Aquila Cagnano Amiterno, Capitignano, Castelvecchio Subequo, Ovindoli, Pizzoli e Roccaraso. Sempre in provincia di Pescara Picciano esce da questo regime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA