Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, emergenza Abruzzo: la nuova ondata si estende alle province dell'Aquila e di Teramo

Coronavirus, emergenza Abruzzo: la nuova ondata si estende alle province dell'Aquila e di Teramo
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Marzo 2021, 07:29

«Sembra che questa ondata si stia allargando al Teramano e all'Aquilano. Aspettiamo con ansia che cominci la decrescita sull'area Pescara Chieti, ma ciò non avviene. Avevamo deboli segnali di miglioramento, ma i dati di
oggi ci dicono che non è così. La zona rossa funzionava prima, con il ceppo originario, ma di fronte alla variante può fare poco». Lo ha affermato ieri il referente per le emergenze della Regione Abruzzo, Alberto Albani, a capo della task force sul coronavirus, nel giorno in cui l' Abruzzo ha registrato il record di decessi e di ricoveri in terapia intensiva, oltre ad uno dei dati sui nuovi casi tra i più alti della terza ondata.


Ancora critica la situazione nel Pescarese, che registra un nuovo dato altissimo: 274 i contagi recenti. L'incidenza settimanale per centomila abitanti torna oltre quota 320, a fronte di una soglia di allarme di 250. Migliora leggermente la situazione nel Chietino, ma non nell'area metropolitana tra le due province: lì la variante inglese corre più che mai ed è responsabile del 70% dei contagi.


Nelle prossime ore si dovrà anche decidere cosa fare con le scuole. Il governatore Marco Marsilio, nei giorni scorsi, aveva ipotizzato una possibile riapertura dal 15 marzo, ma alla luce dei dati odierni è presumibile che si vada verso una proroga. Bisognerà comunque attendere i dati dei prossimi giorni per
capire come muoversi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA