Neve, timido via sul Gran Sasso. Campo Felice forse sabato

La stazione di Campo Felice nella mattinata di ieri
di Antonella Calcagni
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 10:01

L'AQUILA - Immacolata sulla neve almeno sul Gran Sasso dove è stato possibile fruire solo della seggiovia le Fontari, per la stazione di Campo Felice sarà necessario attendere dopodomani, sabato.

Nella stazione rocchigiana si sta facendo il possibile per aprire nel fine settimana e i cannoni sparaneve hanno lavorato ininterrottamente fino all'alba di ieri; dopo le temperature hanno reso impraticabile continuare a sparare neve artificiale. In ogni caso il direttore Gennaro Di Stefano è ottimista in quando confida nelle basse temperature previste per le prossime ore per continuare a innevare i tracciati con la coltre artificiale. La Campo Felice conta di aprire quasi tutte le piste. Ieri sul versante di Lucoli, nonostante le piste chiuse, sono stati molti coloro che hanno effettuato un primo sopralluogo in quota per rispettare la tradizione dell'Immacolata.

Non potendo fruire degli impianti alcuni cultori dello sport bianco si sono riversati in ordine sparso alla base degli impianti scrutando il cielo, in molti hanno optato invece per un'escursione per i boschi innevati e incantati di Prato Capito o per una passeggiata sulla Piana dove purtroppo è presente solo una spolverata.


Sul Gran Sasso la coltre nevosa è maggiore ma, spiega il direttore della Scuola sci Assergi Gran Sasso, Luigi Faccia, prima di poter mettere in funzione anche la Scindarella sarà necessario liberare l'impianto dal ghiaccio e fare dei riporti di neve; una operazione che richiederà qualche giorno di lavoro.

L'apertura a ranghi ridotti, come noto, è stata dovuta al blackout elettrico che sembrava aver compromesso l'avvio della stagione. Invece grazie all'intervento dell'Enel è stato possibile tornare alla normalità in tempo utile. Faccia ha parlato di un'affluenza adeguata facendo riferimento alla giornata di ieri, ma è normale visto il meteo non proprio favorevole e la carenza di impianti aperti. Comunque l'importante è stato aver aperto, dopo la stagione mancata dello scorso anno a causa del Covid.


Quest'anno tutti in pista sì, ma con green pass e mascherine e con la novità dell'assicurazione obbligatoria operativa dal gennaio 2022. Lo ha stabilito il Decreto del 28 febbraio 2021 che prevede multe per chi non si è dotato di una copertura assicurativa che variano da 100 a 150 euro.

Intanto, sia il Centro turistico che la Campo Felice hanno previsto ristori per coloro che lo scorso anno hanno acquistato gli abbonamenti senza poterne fruire, ma tale possibilità era stata concessa solo a coloro che avevano chiesto il rimborso nel momento dell'avvio della prevendita. Ha giocato d'anticipo invece la stazione di Ovindoli Monte Magnola che ha aperto i battenti, con quattro piste aperte su 11, il 7 dicembre con la possibilità di acquistare lo ski pass online.

Insomma ci sono le premesse per accogliere le prenotazioni per le vacanze natalizie nel comprensorio aquilano delle tre nevi. Gli operatori ce la stanno mettendo tutta per garantire al meglio il servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA