CORONAVIRUS

Chieti, alla parrocchia di San Martino messe solo all'aperto

Domenica 24 Maggio 2020 di Francesca Rapposelli
Chieti, alla parrocchia di San Martino messe solo all'aperto
È l’unica parrocchia teatina a poter organizzare le messe all’esterno, in totale sicurezza e tranquillità, riservando 130 posti a sedere per i fedeli. Così, San Martino Vescovo, a Chieti Scalo, guidata da don Sabatino Fioriti (in foto), ha ricominciato nel pieno rispetto delle regole. Nei giorni di sabato e domenica le celebrazioni si terranno nel piazzale della nuova chiesa, in via Montello, che già ospita l’oratorio e la casa parrocchiale. Una volta inaugurata la chiesa, quasi certamente a luglio, le celebrazioni si terranno all’interno, garantendo la distanza di sicurezza e la salute dei fedeli. Il primo appuntamento si è tenuto sabato, mentre oggi la messa è trasmessa anche in diretta Facebook.



«Sono molto contento - racconta il parroco - e vedo le persone attente e disponibili: la gente ha capito che il momento è serio e che bisogna stare attenti, ma noi ci siamo organizzati per evitare qualunque rischio». Nell’area antistante la chiesa sono posizionate le sedie, rigorosamente a 1 metro l’una dall’altra, con il sacerdote e l’organista a debita distanza; i fedeli devono seguire un percorso obbligato per andarsi a sedere, ma saranno guidati dai volontari del gruppo di Protezione civile Cisom (Corpo italiano soccorso ordine di Malta). L’eucarestia viene distribuita direttamente dal celebrante, che gira tra le sedie indossando mascherina e guanti. Poi, ogni seduta viene disinfettata con prodotti specifici, così come già fatto puntualmente nella chiesa vecchia, che ospita invece le celebrazioni dei giorni feriali.



«Abbiamo preso ogni precauzione, ma sappiamo che ormai tutti sanno quali regole seguire - aggiunge don Sabatino Fioriti - e siamo pronti anche a spostarci all’interno del salone parrocchiale in caso di maltempo».
Lanciano, prima messa al Miracolo Eucaristico: in 30 con la mascherina
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani