Approcci sessuali e molestie ai ragazzini, arrestato dopo 20 anni

Approcci sessuali e molestie ai ragazzini, arrestato dopo 20 anni
di Manlio Biancone
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Dicembre 2021, 10:00 - Ultimo aggiornamento: 10:23

Avvicinava gli adolescenti, li fermava, offriva un regalo, ma l’obiettivo era appartarsi con loro. E se rifiutavano arrivava addirittura a prenderli per le braccia e strattonarli. Quell’estate di venti anni fa, era il 2000, tra le famiglie degli adolescenti di Carsoli si era diffusa una certa paura per queste storie. Che è durata fino a quando la mamma di un ragazzino di 14 anni ha denunciato ai carabinieri l’approccio violento che il 59enne, pensionato, residente a Carsoli, in provincia dell'Aquila, aveva fatto a suo figlio. Proprio dalla denuncia della donna ai militari del centro abruzzese al confine con il Lazio, è nata l’indagine grazie alla quale è emerso che il minore era stato molestato dall’uomo. Prima è scattata la denuncia penale, poi la condanna a un anno e cinque mesi di reclusione per i reati di violenza sessuale nei confronti di un minore. Pena diventata esecutiva nei giorni scorsi e che ha fatto scattare l’ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza dell’Aquila. Il 59enne è stato arrestato dai carabinieri di Carsoli e dovrà scontare diciassette mesi in regime di arresti domiciliari.

Giochi di ruolo nel parco: arriva un pedofilo e molesta un ragazzino


Approcci a sfondo sessuale, di questi si trattava secondo investigatori e magistrato. A portare alla luce la vicenda è stata la denuncia dei genitori dopo il racconto del minorenne. Importante il racconto del 14enne davanti al gip del Tribunale di Avezzano che ricostruì l’episodio durante un incidente probatorio. Nel racconto agli inquirenti, il minore quel giorno stava camminanda in centro quando fu avvicinata dall’uomo, le fu proposto di andare al bar e poi cercò un approccio sessuale. Sembra che l’abbia preso per un braccio e tirato a sé. L’adolescente, impaurito, si è divincolò, il 59enne cercò di trattenerlo stringendolo di più. Il ragazzino riuscì a liberarsi da quell'abbraccio violento, a scappare e a rifugiarsi in lacrime tra le braccia della mamma.

Pugno in faccia, 17enne provoca gravi danni a un migrante. «Mi minacciava, non sono razzista»

L’uomo fu denunciato di lì a poco per i reati di molestie e violenza sessuale. Nel 2010 cominciò il processo con la condanna a 17 mesi di reclusione. La sentenza è diventata recentemente esecutiva con il conseguente ordine di carcerazione eseguito ieri mattina. La condanna definitiva ha considerato anche un cumulo di pene più lievi, inflitte per ulteriori violazioni commesse nel corso del periodo in cui era sottoposto alla custodia cautelare degli arresti domiciliari per la violenza posta in essere. L’uomo, fermato dagli stessi carabinieri è stato sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare per scontare il residuo della pena. La vigilanza è stata affidata alla stazione carabinieri di Carsoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA