L'avvelenatore di animali colpisce ancora: grave un cucciolo di Beagle, morti cinque gatti

Mercoledì 18 Dicembre 2019 di Tito Di Persio
È successo ancora. Continua l'avvelenamento dei cani nel Teramano. Questa volta è stato avvelenato un cucciolo di Beagle di proprietà di un’anziana signora rimasta vedova da pochi mesi. Si è salvato solo grazie all’accortezza della donna e il tempestivo intervento del veterinario. Il fatto è successo lunedì sera, nella zona della vecchia palestra a Castelnuovo di Campli. A poca distanza sono stati trovati cinque gatti morti, di una colonia felina della zona e alcuni animali selvatici. L’area è stata transennata.

Sulla vicenda indaga il gruppo carabinieri forestali di Teramo. Nella zona è in atto da anni una guerra tra diverse fazioni di cacciatori e tartufai. Infatti queste scene si ripetono sempre in concomitanza con l’apertura dell’arte venatoria e la ricerca del prezioso e costoso tubero. Se questa faida non cessa al più presto i militari non escludono di prendere delle misure drastiche. La sospensione a tempo indeterminato della caccia a della ricerca dei tartufi. A denunciare il fatto sul profilo ufficiale Facebook l’associazione “Oipa Teramo”: «Ancora emergenza bocconi avvelenati. Nel giardinetto della vecchia palestra per favore tenete i vostri figli al sicuro e i cani al guinzaglio».

Lo scorso sabato, quattro cani da caccia senza vita furono rinvenuti dinanzi alla casa di un cacciatore, nei pressi di Villa Gesso all’interno del proprio box. Un’altra carcassa, con a fianco un Setter Irlandese esanime, poi, deceduto qualche ore più tardi, furono ritrovati, da alcuni volontari nel bosco tra Campli e Teramo. La polizia giudiziaria nella giornata di ieri ha terminato l'esame ispettivo del boccone e carcassa. «Per uccidere le sei bestiole è stato utilizzato del Metaldeide, il classico il lumachicida, messo all’interno a polpette di carne macinata. In passato sono stati utilizzati anche altri metodi, il Bromadiolone, un potente rodenticida anticoagulante mischiato a cibo e pezzi di vetro. - Fanno sapere i forestali - Gli animali che ingeriscono il boccone letale vanno incontro ad una morte lenta e atroce». Nella giornata di oggi su tutti e tre i siti contaminati verrà attivata la bonifica con l’utilizzo delle unità cinofile antiveleno.  Ultimo aggiornamento: 10:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma