Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cade e si rompe il femore: operata nonnina di 103 anni. Sta bene

Cade e si rompe il femore: operata nonnina di 103 anni. Sta bene
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 9 Gennaio 2019, 09:44

Ha passato una notte tranquilla e si avvia verso la fase della riabilitazione una nonnina di 103 anni che ieri è stata operata al femore all’ospedale di Lanciano.

L’anziana, residente in città, era caduta qualche giorno fa nella sua abitazione, dove vive assistita da una badante. Sulle prime sembrava che l’infortunio non avesse prodotto conseguenze, ma il dolore persistente alla gamba ha indotto poi la donna che assiste l’anziana a rivolgersi al 118. Trasportata in ospedale e sottoposta agli accertamenti del caso, le è stata riscontrata una frattura pertrocanterica sinistra, da trattare con intervento chirurgico.

«L’età avanzata della nonnina rappresentava un elemento di cui necessariamente tenere conto - precisa Enrico Marvi, responsabile dell’Ortopedia - perché un intervento chirurgico può facilmente compromettere un quadro di salute che per una centenaria è in equilibrio assai fragile. Ma la valutazione complessiva delle condizioni è risultata buona e comunque tale da consentire la riduzione della frattura per via chirurgica. Diversamente, infatti, sarebbe andata incontro al rischio di complicazioni localizzate e a una improbabile saldatura dell’osso. Portata in sala operatoria, la paziente è stata sottoposta ad anestesia parziale e quindi a osteosintesi per l’inserimento di un chiodo».

La donna ha superato l’intervento e trascorso una notte tranquilla. Per i medici dell’Ortopedia non appena sarà completamente stabilizzata potrà essere trasferita in un’altra struttura per la necessaria riabilitazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA