Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bidella impiccata, le indagini 3D: non è stato il marito

Bidella impiccata, le indagini 3D: non è stato il marito
di Serena Giannico
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 08:34

Non c'è ancora la chiave del giallo, anche se per la difesa «sono emersi elementi inequivocabili dell'innocenza dell'indagato». A caccia di prove e indizi nel garage dove si è consumato il dramma. Nuovo sopralluogo nella villa di località Iconicella, a Lanciano, dove, lo scorso 15 luglio, è stato rinvenuto il cadavere di Anna Maria D'Eliseo, 60 anni, collaboratrice scolastica. Il marito Aldo Rodolfo Di Nunzio, ex vigile del fuoco, che quel giorno poco dopo le 13 ha dato l'allerta, asserisce di averla trovata impiccata e di aver tentato di salvarla. Ma la Procura, non convinta della sua versione, lo ha messo sotto accusa per omicidio volontario. Lui ha sempre negato di averla ammazzata.

La rimessa ieri mattina è stata passata al setaccio dai carabinieri, atti irripetibili. Presenti i consulenti, i medici Ildo Polidoro di Pescara e Riccardo Di Tanna di Vasto, che hanno assistito anche all'autopsia, Lucio Di Paolo, ingegnere e gli avvocati delle parti, Elisabetta Merlino, per i cinque figli e Claudio Nardone e Fiorenzo Cieri, a difesa dell'inquisito. I militari hanno fotografato e mappato i luoghi, con apparecchiature laser che consentono una ricostruzione tridimensionale. Sul soffitto, sotto le ragnatele, in corrispondenza del punto in cui la salma è caduta, si è cercato l'appiglio a cui la donna, se si fosse tolta la vita, avrebbe dovuto agganciare il cavo elettrico che aveva attorno al collo. E, dai rilievi eseguiti, c'è una pignatta rotta in cui il filo, in momento di estrema disperazione, potrebbe essere stato fatto passare.

«Si è purtroppo trattato di una disgrazia - rimarca Cieri -, di un atto autolesivo da parte della signora perché abbiamo trovato riscontri che conducono verso l'ipotesi del suicidio». E Nardone aggiunge: «Confidiamo, a questo punto, che il caso possa essere risolto in tempi brevi». Più prudente l'avvocato Merlino: «Alcuni elementi - dice - possono in effetti far credere ad un gesto estremo, ma vanno comparati e riscontrati con gli altri a disposizione della Procura. Speriamo che, al più presto, ci sia la definizione Tengo a precisare che, in questo momento, tutti i ragazzi, i figli, sono vicini al papà, perché anche lui sta soffrendo». Serviranno ulteriori accertamenti per dare una svolta al caso, seguito dai pm Serena Rossi e Francesco Carusi. Potrebbe essere disposta una perizia tecnica per capire se quella pignatta fosse in grado di sorreggere il peso della vittima. E c'è attesa anche per i risultati dell'autopsia, effettuata dal medico legale Cristian D'Ovidio, che sta eseguendo esami di laboratorio e tossicologici.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA