La banda del buco sfonda la parete ed entra in banca. Ma la cassaforte è troppo pesante: colpo fallito

Lunedì 3 Febbraio 2020 di Tito Di Persio
La banda del buco sfonda la parete ed entra in banca. Ma la cassaforte è troppo pesante: colpo fallito

Si introducono nel locale attiguo, poi sfondano un muro di cartongesso e provano l’assalto alla cassaforte della banca. Il colpo, però, fallisce. I ladri, dopo l’attivazione del sistema di allarme devono battere in ritirata e non riescono a portare via il forziere, decisamente troppo pesante. Nella nottata tra sabato e domenica, una banda al momento ancora ignota, lungo la Statale 16 a Tortoreto, dopo aver rotto il vetro di una porta secondaria della Las Mobili, hanno sfondato il muro in cartongesso dell’adiacente Banca di Credito Cooperativo di Castiglione e Pianella dopo aver oscurato le telecamere con una bomboletta di vernice spray e tentando, invano, di portarsi via la cassaforte.

Un colpo analogo fallì alla vigilia del ferragosto del 2014: allora i malviventi entrarono con una ruspa nell'istituto di credito sotto le insegne dell'allora Banca di Teramo e non riuscirono a portare via e impossessarsi dei 150mila euro contenuti nella cassaforte che pure avevano aperto con la mola. Per entrare, è stato utilizzato lo stesso modus operandi: una porta secondaria dell'attiguo salone esposizione della del famoso marchio di mobili, dopo aver abbattuto la parete di cartongesso che divide questo dai locali dell’istituto di credito. Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Tortoreto e della Compagnia di Alba Adriatica e il comando provinciale di Teramo. Nel pomeriggio di ieri sono state sequestrate le registrazioni delle videocamere di alcune attività commerciali della zona e altre lungo la statale Adriatica. Si spera che da alcuni fotogrammi si possano identificare i responsabili e il mezzo che è stato utilizzato per l’assalto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA