Bimbo morto nell'asilo a L'Aquila, i legali della famiglia: «Genitori non stanno pensando al perdono». Domani i funerali del piccolo Tommaso

Bimbo morto nell'asilo a L'Aquila, i legali della famiglia: «Genitori non stanno pensando al perdono»
di Stefano Dascoli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Maggio 2022, 13:24 - Ultimo aggiornamento: 19:02

L’AQUILA - «Perdono? In questo momento i genitori non stanno pensando a questo. Molte notizie emerse non corrispondono esattamente alla realtà. Magari arriverà il momento in cui avranno la forza di esprimersi, ma in questo momento non saprei davvero cosa c'è da capire della loro condizione psicologica». Lo ha detto l’avvocato Katiuscia Romano che, insieme a Tommaso Colella, rappresenta la famiglia di Tommaso D’Agostino, il bambino di quattro anni morto travolto da un’auto che si è sfrenata all’interno dell’asilo I maggio dell’Aquila.

Bimbo morto nell'asilo: fiori, biglietti e peluche, è l'ora del dolore

Bambino morto a L'Aquila, il racconto del papà: «Ho sentito un botto venire dall'asilo, sono stato tra i primi ad arrivare»

I due legali hanno convocato con urgenza la stampa, nel centro storico dell'Aquila, per fare il punto della situazione sulle indagini e, soprattutto, chiedere rispetto per la famiglia, «oggetto di una operazione di stalkeraggio» mediatico, come ha detto l’avvocato Romano. 

I funerali domani 21 maggio

Quanto alla fase istruttoria, Colella ha confermato che l’esame autoptico sul corpo del bambino sarà eseguito, in giornata, nella maniera meno invasiva possibile. 

«Si è trattato di un fatto particolare, va concepito in questo modo - ha aggiunto Colella - , nel quale tutti sono vittime dell’evento, non solo chi l’ha subito, ma anche il soggetto agente che viene travolto dalle conseguenze. Le persone che si trovavano in quell’area avevano figli in quell’asilo. Sono tutte persone danneggiate dal fatto, che vivono malissimo queste ore. Non c’è da colpevolizzare nessuna condotta, va fatto uno sforzo per capire cosa è successo e accettare che tutti, bambini compresi, in realtà subiranno conseguenze sfavorevoli. Non c’è una persona che ha una colpa, nessuno avrebbe voluto che succedesse».

Si svolgeranno domani alle 15,30 nella basilica di Collemaggio all'Aquila i funerali del piccolo Tommaso. Le esequie sono state fissate dopo che l'Autorità giudiziaria ha riconsegnato la salma alla famiglia dopo l'autopsia effettuata oggi dall'anatomo patologo dell'ospedale dell'Aquila Giuseppe Calvisi. A celebrare la funzione funebre il cardinale Giuseppe Petrucci e il rettore della Basilica di Collemaggio, don Nunzio Spinelli. Il luogo sacro, simbolo della città dell'Aquila, può ospitare fino a 2mila persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA