Afghanistan, ad Avezzano il campo dei bimbi: 350 piccoli profughi. Anche una famiglia con 15 figli

Afghanistan, ad Avezzano il campo dei bimbi: 350 piccoli profughi. Anche una famiglia con 15 figli
di Manlio Biancone
3 Minuti di Lettura
Domenica 29 Agosto 2021, 09:50

Tra gli 850 afghani - nella notte ne arrivano altri 400 - nel campo della Croce Rossa dell’interporto di Avezzano, 350 sono bambini. Tantissimi. «Addirittura c’è un nucleo familiare con 15 figli, il più piccolo cammina tenendo la mano della madre e poi seguono tutti gli altri più grandicelli - dice il presidente regionale della Croce Rossa, Gabriele Perfetti - Sono tutte famiglie numerose, ma stanno tutti bene nessuno accusa malattie. Solo un bimbo è stato ricoverato all’ospedale di Avezzano, ma per problemi che non sono legati al Covid. I bimbi sono sorridenti perché vedono che possono cominciare una nuova vita - aggiunge - lontano dalla bombe e dalla violenza. Resteranno con noi massimo tre giorni e poi andranno nelle strutture delle Regioni già individuate dalle prefetture».

«L’Abruzzo è pronta ad accogliere 210 profughi- dice il governatore Marco Marsilio, in visita ieri al campo di Avezzano, accompagnato dal capo di gabinetto Massimo Verrecchia - È doveroso accoglierli perché hanno collaborato con il contingente italiano in Afghanistan e rischiano se tornano nel loro paese. A giorni andranno nelle strutture e inizierà un percorso di integrazione nella nostra Regione”. «In serata verranno trasferiti negli alberghi della Marsica i primi 70 profughi» dice Mauro Casinghini, direttore della protezione civile regionale.
Nel campo profughi, visi stanchi ma distesi. Si comincia a intravedere un futuro. I più anziani sono sfiniti, ma salutano inchinandosi. Non hanno più casa, né una vera patria. Sono autisti, traduttori, collaboratori delle forze italiane nel periodo di missione in Afghanistan. Troppe le emozioni del mondo nuovo.

E proprio ieri, grazie ad un grande gesto di solidarietà degli avezzanesi, i bambini hanno ricevuto tantissimi giocattoli. E l’amministrazione comunale ha voluto così ricordarlo: «Sul volto provato dei bimbi afghani ospitati all’Interporto spunta un timido sorriso. Sono arrivati dei Babbo Natale speciali: gli agenti della Polizia locale con gli automezzi di servizio carichi di centinaia di giocattoli donati in poche ore dagli avezzanesi. La carovana della solidarietà con in testa il vice sindaco, Domenico Di Berardino, il consigliere comunale, Antonio Del Boccio, e il comandante della Polizia locale, Luca Montanari ha animato la serata al campo, dove è scattata la consegna dei giocattoli. Gli agenti hanno distribuito i primi regali, ricevendo in cambio il sorriso di bimbi e genitori». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA