Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Suicida come la sorella campionessa, Simona lucida quando si è impiccata

Suicida come la sorella campionessa, Simona lucida quando si è impiccata
di Teodora Poeta
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Maggio 2020, 08:59

E’ stata depositata in Procura a Teramo la relazione dell’accertamento medico legale eseguito sul corpo della mamma 45enne Simona Viceconte originaria della Val di Susa sposata con il bancario Luca Amprino, pure lui piemontese, che lo scorso 13 febbraio si è tolta la vita impiccandosi con un foulard alla ringhiera della tromba delle scale della palazzina dove viveva con la famiglia a Colleatterrato Basso. Una vicenda che ha fatto molto discutere perché quel gesto lei lo aveva commesso esattamente un anno dopo la sorella maggiore Maura, atleta olimpionica, che ha spinto però, la Procura ad aprire un fascicolo contro il marito Amprino, attualmente ancora indagato per maltrattamenti in famiglia che potrebbero aver indotto Simona alla morte (572 c.p. art. 42 comma 3).

La relazione, che ora potrà essere visionata anche dai familiari di Simona e dallo stesso indagato, ha confermato che quel giorno la 45enne era lucida quando ha deciso di togliersi la vita: non aveva assunto né psicofarmaci né altre sostanze che potessero offuscarla in qualche modo. Quel pomeriggio di quasi quattro mesi fa, insomma, Simona aveva pianificato tutto. In una tasca del suo giaccone sono state ritrovate anche delle grosse forbici da cucina che però non le sono servite e che nessuno ormai saprà mai a cosa le sarebbero dovute servire. Perché le aveva prese? Questo è un interrogativo al quale gli inquirenti non hanno saputo rispondere.

Nei prossimi giorni i familiari di Simona arriveranno a Teramo. La loro speranza è che l’indagine della Procura non termini con una richiesta di archiviazione. Amprino, ormai, ha lasciato la città. E’ stato trasferito in una sede distaccata a Milano della banca per la quale lavora. Con le due figlie, invece, è tornato a vivere nel suo paese d’origine in provincia di Torino. Le indagini, in questi mesi, si sono svolte ad ampio raggio. Una grande collaborazione, dopo l’iniziale muro di omertà, pare sia arrivata anche da parte di alcuni parenti che avrebbero raccontato il rapporto tra marito e moglie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA