Coronavirus, contagi nella clinica Santa Maria. Il sindaco di Atessa scrive a prefetto e Regione

Ad Atessa situazione preoccupante alla clinica Santa Maria: il sindaco scrive al prefetto e Regione
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 15 Aprile 2020, 13:23 - Ultimo aggiornamento: 15:05

Coronavirus, ansia e preoccupazione alla casa di cura di Atessa (la città ha finora 20 positivi), ma soprattutto l’aspetto sanitario all’interno della casa anziani Santa Maria, con 40 occupanti tra personale sanitario e ospiti, che ha già avuto il decesso di una anziana e dove ci sono altri 10 contagiati, tra cui alcuni infermieri. Il sindaco Giulio Borrelli ieri ha infatti scritto a Regione e Prefetto. «Abbiamo una situazione preoccupante – dice Borrelli. Man mano che arrivano i risultati dei tamponi si scoprono casi nuovi. Ieri un'anziana è stata portata in gravi condizioni a Chieti. Chiedo di traferire altrove ospiti e personale della struttura per evitare un aggravamento della situazione».



E sul trasferimento di alcuni servizi sanitari Borelli, dopo l’apertura del Covid Hospital, tuona: «Fermatevi. Chiedo alla Asl di bloccare immediatamente il trasferimento delle apparecchiature endoscopiche a Casoli. Vanno subito fermati questi atti scellerati di chi approfitta di una pandemia per distrarre l’attenzione da un disegno ormai chiarissimo. In tutta Italia si lavora per salvare vite senza spogliare gli ospedali e privare migliaia di cittadini dei servizi essenziali. Basta depredare Atessa». Ieri sopralluogo tecnico Asl nel vecchio ospedale dove potrebbe andare il distretto sanitario di base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA