Arrestato ragazzo alcolista di 28 anni che picchiava i genitori: «Sono pentito, voglio curarmi»

Arrestato ragazzo alcolista di 28 anni che picchiava i genitori: «Sono pentito, voglio curarmi»
di Teodora Poeta
3 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Agosto 2021, 10:30

 Sta provando a chiedere aiuto dopo che di aiuto da parte dei genitori ne ha ricevuto tanto e in cambio a loro non ha dato nulla. Non sarà facile per lui, 28enne della provincia di Teramo, lasciarsi aiutare perché anche in passato lo ha già fatto senza successo e poi è ricaduto nell’alcol, ma intanto vuole provarci dopo che adesso è finito in carcere per aver continuato a maltrattare entrambi i genitori e picchiare il padre, fino a spegnergli una sigaretta sul polpaccio mentre lui dormiva.

Ex finanziere di 56 anni muore in casa per un malore: l’ultimo video condiviso è la vittoria di Jacobs
Una vicenda familiare iniziata nel 2018, quando proprio il papà oggi 72enne, andando a riprendere il figlio che all’epoca frequentava l’Università ad Ancona, scopre che è alcolista. Ma dopo un paio di mesi di cura al Sert, il giovane, che adesso ha 28 anni, abbandona tutto e inizia a mettere le mani addosso ai suoi genitori. Il primo episodio sono due schiaffi in faccia al padre. Subito dopo due pugni che lo stendono a terra e una spinta alla mamma che cade pure lei a terra. Quella data segna uno spartiacque tra il primo e il dopo. Un dopo doloroso per due genitori che improvvisamente si sono ritrovati a doversi difendere dal figlio violento. A dover scappare di casa perché rincorsi da lui mentre brandisce una mazza. Tutti racconti che poche settimane fa marito e moglie hanno messo nero su bianco nell’ennesima denuncia che ha fatto scattare l’ arresto del figlio dopo le ultime due aggressioni.

Abusi su una bambina di 11 anni durante la festa, arrestato pensionato: dovrà scontare tre anni in carcere

E’ successo a fine luglio. Improvvisamente, così come ha raccontato il 72enne, mentre lui stava dormendo ha sentito come una scossa e quando si è svegliato ha visto di fronte a sé il figlio che rideva e una sigaretta nel suo letto che lui gli aveva appena spento su un polpaccio. Pochi giorni prima era stato di nuovo preso a schiaffi da quel figlio che aveva bevuto ed era ubriaco. Tutto è degenerato quando il ragazzo è tornato in Italia a causa della pandemia, dopo che nel 2019 è partito per andare a lavorare all’estero. In quel periodo marito e moglie hanno creduto che il 28enne potesse recuperare e magari anche disintossicarsi dall’alcol. E invece nulla. Appena è rientrato in Italia tutto è tornato esattamente come prima. In casa il terrore. Persino la scelta dei programmi da guardare in tv era motivo di litigio e di possibile sfuriata contro di loro. Una parola fuori posto o uno sguardo. Ieri, il 28enne, che è difeso dall’avvocato Stefania D’Addario, è stato sentito dal giudice per l’interrogatorio di garanzia dopo essere stato arrestato su esecuzione di una misura chiesta dal pm Francesca Zani e accolta dal gip Giovanni Cirillo. Dopo aver ammesso tutte le sue responsabilità, ha chiesto al giudice di essere aiutato: «Voglio cambiare, voglio disintossicarmi dall’alcool». Ha detto anche di voler «tornare a casa dai suoi genitori», ma questo non gli sarà concesso. Se stavolta davvero ci metterà tutto l’impegno, è possibile che possa riuscirci. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA