Rissa all'interno di un pub, arrestate tre persone dell'hinterland romano

La movida all'Aquila
2 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Dicembre 2022, 14:58 - Ultimo aggiornamento: 15:00

L'AQUILA - Nel corso della nottata, personale della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di L'Aquila e dell’Ufficio Prevenzione Generale di Soccorso Pubblico della Questura di L'Aquila, ha arrestato tre uomini, ritenuti responsabili della rissa all’interno di un pub della città.

L’azione delle pattuglie di Carabinieri e Polizia è stata coordinata dalle rispettive centrali operative, avvertite della rissa in atto all’interno di un locale aperto al pubblico, in zona centro storico.

Durante l’intervento, gli operatori di polizia hanno immediatamente bloccato due persone ritenute coinvolte nell’episodio delittuoso, per poi rintracciare e bloccare, subito dopo, un terzo partecipante. I primi due fermati hanno anche opposto resistenza agli operanti, causando loro lievi lesioni.

In base alla preliminare ricostruzione dei fatti, proveniente dalla raccolta degli elementi di prova, pervenuti, oltre quanto accertato direttamente dalle forze di polizia, anche dalle testimonianze raccolte in loco, nei confronti delle persone bloccate è stata contestata l’ipotesi delittuosa di rissa, e per taluni anche il reato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Si tratta di tre uomini, tra i 35 e 43 anni, tutti residenti nell’hinterland romano, che avrebbero avuto un alterco con avventori e dipendenti del locale interessato alla vicenda. Nella circostanza sono stati anche verificati danneggiamenti agli arredi dello stesso locale.

Sono in corso ulteriori verifiche per chiarire esattamente la dinamica dei fatti e l’eventuale coinvolgimento di altre persone.  

Degli avvenuti arresti è stata data notizia al P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di L’Aquila, il quale ha disposto il trattenimento dei tre all’interno delle camere di sicurezza degli uffici di Polizia, in attesa dell’udienza di convalida da parte del GIP dello stesso Tribunale.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA