Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Botte a moglie e tre figli: voleva i soldi per giocare alle slot machine. Arrestato

Botte a moglie e tre figli: voleva i soldi per giocare alle slot machine. Arrestato
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Giugno 2021, 07:19

Botte alla moglie e ai tre figli, di cui uno minorenne. Proprio quest’ultimo, dopo aver riportato lesioni agli arti inferiori e trovato riparo sotto il tavolino, era stato colpito da suo padre alla testa con una bottiglia di vetro. Pugni inferti anche alla mamma, intervenuta in soccorso. Ma anche minacce di morte anche quando la donna era fuggita in vestaglia e pantofole con il figlio per ripararsi dai carabinieri. Il pm Roberta D’Avolio che ha chiesto ed ottenuto per lui l’arresto in carcere.

I carabinieri della stazione dell’Aquila hanno arrestato (in carcere) un uomo dell’Aquila di 57 anni, assistito dall’avvocato Massimiliano Placidi. Una storia di vessazioni, soprusi, minacce e botte ai proprio nucleo famigliare. Una famiglia secondo l’accusa tenuta sempre sotto scacco, con la moglie costretta spesso a non poter uscire di casa per frequentare anche i suoi parenti. Minacce subite dalla parte offesa anche di ritorno da Roma dopo essere stata sottoposta a visita medica specialistica, circostanza che l’aveva costretta a fuggire di casa con il figlio minorenne per pernottare presso un’amica.

Un perdurare stato di vessazioni che non è migliorato con la separazione visto che l’indagato sempre presente in casa, pretendeva soldi per giocare alle slot machine. Tra i testimoni ascoltati dai carabinieri anche la cugina dell’arrestato che ha raccontato dell’indole violenta dell’indagato e il genero, aggredito da lui con un coltello. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA