Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anziana bullizzata da figlia e genero, la coppia allontanata dalla donna

Anziana bullizzata da figlia e genero, la coppia allontanata dalla donna
di Manlio Biancone
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 08:44

Un'anziana è stata perseguitata da figlia e genero per diversi mesi, ieri gli agenti del Commissariato di Avezzano, hanno eseguito, nei confronti dei due coniugi avezzanesi, una misura cautelare. Vivere nello stesso palazzo con la figlia e il genero era diventato un vero e proprio incubo per una 80enne che, secondo il pm, veniva bullizzata in ogni occasione. La donna nei mesi scorsi aveva denunciato alle forze dell'ordine i comportamenti vessatori posti in essere nei suoi confronti da parte della coppia di coniugi e per questo era già in corso un procedimento davanti al giudice del Tribunale di Avezzano.

Figlia e genero erano stati raggiunti da una misura che consiste nel divieto di avvicinamento alla persona offesa. Sembra, secondo gli inquirenti, che i due coniugi continuassero i loro comportamenti vessatori nei confronti della donna, tanto che ha dovuto presentare una nuova denuncia. Dal racconto dell'anziana in un'occasione sarebbe stata insultata ripetutamente e addirittura in un'altra circostanza le sarebbe stato impedito di accedere alla propria abitazione, vedendo costretta per poter rientrare in casa a richiedere l'intervento della polizia. Dopo l'indagine degli agenti del Commissariato, che aveva preso avvio nei mesi scorsi, sono arrivati i provvedimenti del giudice del Tribunale di Avezzano, Marianna Minetti, nei confronti dei due coniugi avezzanesi, e precisamente una misura di obbligo di dimora nel comune di Avezzano nonché del divieto di uscire dalla loro abitazione dalle ore 21 alle ore 6 del mattino del giorno seguente, oltre al divieto, già in atto a seguito di precedente misura cautelare, di avvicinamento all'80enne. La donna e l'uomo sono stati denunciati per atti persecutori e maltrattamenti.

Il pomo della discordia tra l'anziana e la figlia e il genero sembrano essere legati a futili motivi. La 80ene, secondo gli inquirenti, veniva offesa e derisa quotidianamente, ora le angherie subite dall'anziana sono fortunatamente finite. L'avvocato di fiducia dei due coniugi, Roberto Verdecchia, ritiene che la misura cautelare sia eccessiva e per questo ha chiesto la revoca al giudice Marianna Minotti. «Abbiamo le immagini, i miei clienti vengono accusati di aver ingiuriato la donna e di averle impedito il rientro a casa, ma dai frame è possibile constatare che non hanno proferito parola e non hanno opposto alcun impedimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA