Accoltellato in casa, «sono stati i ladri». Ma la dinamica non convince i carabinieri

Accoltellato in casa, «sono stati i ladri». Ma la dinamica non convince i carabinieri
di Patrizia Pennella
2 Minuti di Lettura
Sabato 23 Ottobre 2021, 08:20

Un giallo. Su cui i Carabinieri di Montesilvano stanno indagando per arrivare ad una soluzione. Un uomo di 37 anni, di nazionalità albanese, ha raccontato di essere stato ferito alle gambe durante un'aggressione subita da parte di più persone, che sarebbero entrate nella sua abitazione per derubarlo. Il trentasettenne vive a Città Sant'Angelo e i fatti si sarebbero verificati intorno alle cinque del mattino di ieri. E' stato soccorso dal 118 che, dopo una chiamata alla centrale operativa, ha inviato un'ambulanza medicalizzata: i sanitari, dopo aver prestato le prime cure, hanno caricato l'uomo sul mezzo e lo hanno portato nel pronto soccorso dell'ospedale Santo Spirito di Pescara. Dopo gli accertamenti medici l'albanese è stato ricoverato nel reparto di Ortopedia.


Sul racconto dell'uomo i carabinieri di Montesilvano, che con il coordinamento del capitano Luca La Verghetta hanno effettuato i primi rilievi, hanno qualche riserva. Non li convince la sequenza degli eventi, così come è stata riferita dall'uomo. Non li convince innanzitutto il fatto che su porte e finestre dell'abitazione non sia presente alcun segno di effrazione. La prima domanda dunque è: come sono riusciti i ladri ad entrare? E si trattava davvero di persone in cerca di qualcosa da rubare. Perché la dinamica dello scontro e del ferimento non è affatto chiara. L'albanese, tra l'altro, è una persona conosciuta dalle forze di polizia, quindi è possibile che quelle ferite nascondano una storia diversa da quella della necessità di difendersi e difendere la propria casa dai ladri.


Sulle indagini gli investigatori mantengono il massimo riserbo, ma con molta probabilità vorranno ascoltare nuovamente l'uomo ferito per avere da lui altri dettagli su quanto avvenuto nelle prime ore del mattino. E anche l'orario in cui si sarebbe verificato il possibile furto sembra suscitare qualche perplessità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA