Abusi sessuali tra gli scaffali del negozio, commesso a giudizio per la presunta violenza sulla collega

Abusi sessuali tra gli scaffali del negozio, commesso a giudizio per la presunta violenza sulla collega
di Walter Berghella
2 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 08:04

In un’importante e nota attività commerciale di Atessa (Chieti) si sarebbe consumata un’altra pagina di soprusi sulla presunta vittima nel periodo compreso tra maggio e novembre 2020. Collega di lavoro palpeggiata più volte tra gli scaffali nelle parti intime da un altro commesso. Vicenda approdata ieri dinanzi al gup Giovanni Nappi che ha accolto l’istanza di rito abbreviato richiesta dall’avvocato Antonino Cerella per l’assistito P.M., 24 anni, atessano. Pm d’udienza era Francesco Carusi. Discussione fissata al prossimo 8 maggio.

La parte civile, patrocinata dall’avvocato Marco De Angelis, ha chiesto 10 mila euro di risarcimento, anche se è in corso trattative risarcitorie tra le parti. La procura di Lanciano accusa l’indagato: «Si è avvicinato alla collega e con gesto repentino le ha palpeggiato i glutei e subito dopo nuovo aggancio e stavolta sono i seni ad essere stati toccati, costringendo la parte offesa a subire atti sessuali».

Protagonisti del caso l’imputato, di 24 anni, e la collega di 43 anni. Nonostante la differenza di età tra i due gli approcci sono avvenuti più di una volta, seguiti anche da messaggi condivisi. Il giovane si era invaghito di lei ma nega ogni responsabilità inerente la pesante e presunta accusa. «Tra i due ci sono stati diverbi ma mai le azioni contestate – dice l’avvocato Cerella - . Non l’ha mai toccata. La donna non ha mai chiesto al datore di lavoro l’acquisizione delle telecamere interne al negozio».

Inizialmente il giovane era stato denunciato per stalking dalla collega di lavoro ma la procura, analizzati gli atti, ha archiviato l’accusa e mandato avanti esclusivamente il reato di violenza sessuale di cui ci sarà la discussione la prossima primavera. Il ragazzo, che con la società commerciale ha un contratto a tempo determinato, è stato nel frattempo trasferito in altra sede. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA