Mondo del calcio in lutto, addio al mitico portiere Alceo Maurini

Mondo del calcio in lutto, addio al mitico portiere Alceo Maurini
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Giugno 2021, 08:45 - Ultimo aggiornamento: 08:46

E’ deceduto ieri mattina nell’abitazione di Poggio Morello, Alceo Maurini, l’ex portiere del Giulianova calcio, di quella squadra che per la prima volta portò a Giulianova la serie C. Era il numero uno del numero 1 giallorosso, ha difeso i pali della squadra che, allenata dal compianto Adelmo Capelli, conquistò la storica promozione nella serie superiore, cosa che non era mai accaduta prima. E’ stato portiere anche di gloriose squadre come la Samb e per anni ha svolto l’attività di allenatore e preparatore dei portieri. Ha avuto anche una vita lavorativa parallela essendo impiegato in ospedale dove ha lasciato un ottimi ricordo e in tanti sui social non solo compagni di squadra e tifosi, ma anche colleghi di lavoro, hanno voluto lasciare un sentimento di cordoglio.

Addio all'avvocato Sergio Quirino Valente stroncato da leucemia fulminante

Covid, addio a Nazzareno “Zè” Agostini, 89 anni: storico azionista dell’Ascoli calcio


Ha lavorato anche in ospedale ed è stato anche un grande appassionato della natura e della montagna. Maurini aveva 76 anni e da qualche tempo aveva problemi di salute ma a nessuno pensava che se ne sarebbe andato via così all’improvviso ed invece ieri mattina il cuore la ceduto, quel cuore che aveva riempito di tanta passione e di tanta felicità in quell’indimenticabile campionato rimasto nella mente di tutti e nella storia del calcio giuliese. E’ scomparso a Poggio Morello, dove viveva con la compagna Tania. Lascia anche una sorella Helvia che da tanti anni vive fuori e che torna a Giulianova soltanto per il periodo d’estate nell’appartamento di un condominio di via Ippolito Nievo, al Lido. Lascia anche il fratello avvocato, Vincenzo, più grande di lui, l’unico della famiglia ad essere rimasto a vivere a Giulianova. I funerali saranno celebrati oggi, nella chiesa di Montone alle ore 15. Subito dopo la slama sarà avviata a Teramo per il disbrigo delle pratiche sanitarie e burocratiche in quanto Alceo Maurini ha lasciato come sua ultima volontà quella di essere cremato. Maurini era famoso non solo perla sua bravura calcistica ma anche per il suo carattere solare che lo rendevano simpatico non solo ai tifosi, è stato il simbolo di allegria di quella squadra che purtroppo ha subito altri lutti come quello proprio del suo allenatore Adelmo Capelli a tutti noto come Penna bianca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA