Coronavirus, l'Abruzzo cerca donatori per la cura con plasma iper-immune

Coronavirus, l'Abruzzo cerca donatori per la cura con plasma iper-immune
di Maurizio Di Biagio
1 Minuto di Lettura
Giovedì 28 Maggio 2020, 09:05

La sperimentazione della immunoterapia con plasma dei guariti entra nel vivo in Abruzzo. Si stanno già trovando donatori alla Asl di Teramo per utilizzare appunto il plasma dei pazienti che hanno contratto il Covid 19 da poter usare come terapia per debellare i nuovi casi di infezione. Lo studio innovativo, portato di concerto con le altre tre Asl abruzzesi, con la supervisione della Regione (Crs, Centro Regionale Sangue) e con il coordinamento della Asl pescarese, potrebbe dare risultati molto efficaci contro la lotta al virus: gli esperti stanno assistendo alla piega positiva che ha preso lo scenario in diverse regioni, soprattutto in Puglia. Motore della ricerca e delle donazioni sono i relativi quattro centri trasfusionali.

I pazienti guariti vengono contattati per avviare i test riguardanti la donazione di sangue con anticorpi specifici per il virus e definire una banca dati di donatori volontari di plasma: a Teramo la referente è la direttrice Uoc Simt Gabriella Lucidi Pressanti, che è del resto la “principal investigators” dello studio a livello regionale. Per l’esecuzione dei test di sieroneutralizzazione è impegnato anche l’Izs di Teramo, assieme allo Spallanzani di Roma. Il trasporto dei campioni biologici verrà effettuato presso la Asl di Pescara. È previsto l’arruolamento di almeno 55 pazienti consecutivi che accetteranno di partecipare allo studio. Non sono previsti compensi per gli operatori sanitari che per di più dovranno lavorare fuori dal loro canonico orario.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA