«Mi taglio per sentirmi meglio».
Autolesionismo, allarme su Facebook e Youtube

Sabato 5 Aprile 2014
PERUGIA - Cutting. Burning. Branding. L’allarme prende la forma della lingua inglese, ma Ť tutto italiano. Umbro, per l’esattezza. Perchť i numeri parlano chiaro. E indicano che in fatto di pratiche autolesionisti gli adolescenti della nostra regione, in particolare i perugini, si attestano in percentuali superiori alla media nazionale. Con un allarme che corre su internet, a causa del grande e preoccipante sviluppo che hanno i video su Youtube o le foto sui gruppi Facebook di ragazzi e ragazzini che mettono in atto pratiche di autolesionismo



Tagliarsi la pelle con lamette o qualsiasi altro oggetto affilato, ad esempio chiodi, forbici, coltelli, fermagli, pezzi di vetro, senza avere l’intenzione di uccidersi; bruciarsi con le sigarette o marchiarsi a fuoco con laser o un ferro rovente: in italiano sono pi√Ļ lunghi che in inglese, e forse per questo fanno pi√Ļ impressione.



A colpire particolarmente duro, per√≤, anche le cifre di una ricerca effettuata dal giornalista Mario Campanella, presidente dell’associazione Peter Pan, e Donatella Marazziti, docente di Psichiatria all’universit√† di Pisa. Il sei per cento dei ragazzi intervistati fra scuole medie e scuole superiori attraverso un questionario ha ammesso di ¬ętagliuzzarsi e ferirsi¬Ľ. Perch√©? ¬ęPer sentirmi meglio¬Ľ rispondono in molti.



Servizio integrale in edicola

su Il Messaggero Umbria

e on line su Il Messaggero digital Ultimo aggiornamento: 21:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani