Perugia, morto lo stilista Ginocchietti
Collaborò con Armani, Valentino
e Yves Saint Laurent

Venerdì 3 Ottobre 2014
Umberto Ginocchietti in una vecchia foto
PERUGIA - E' morto a 74 anni Umberto Ginocchietti, l'uomo della moda che fece la storia già dagli anni Sessanta.

«Stilista, imprenditore, uomo di azienda e nello stesso tempo persona di grande gusto». Così il sindaco Andrea Romizi ricorda Umberto Ginocchietti. Il suo Maglificio di Perugia, la prima impresa in Italia a gestire in modo telematico gli ordinativi dei clienti, fece la storia già dagli anni Sessanta, con collaborazioni a partire da Armani, fino a Valentino, Dior a Yves Saint Laurent. «La sua scomparsa addolora chi ha visto in lui un visionario costruttivo che ha scritto una pagina importante del made in Italy - ha detto Romizi -. Ginocchietti faceva parte di quella leva di imprenditori perugini che nella moda ha lasciato un segno forte, contribuendo a fare di Perugia un centro del tessile di qualità». «Un pioniere del tessile che ha contribuito a far conosce la maglieria made in Umbria nel mondo», ha detto Gianluca Mirabassi, presidente della Sezione Tessile e Abbigliamento di Confindustria Umbria, a nome di tutte le imprese del settore. «C’è una continuità ideale – ha aggiunto Mirabassi - tra quello che hanno creato Ginocchietti, e altri imprenditori del suo tempo, e quello che oggi è il nostro comparto in Umbria». Cordoglio per la morte di un «grande uomo e imprenditore di successo» anche dal presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi. «Con la scomparsa di Umberto Ginocchietti – ha commentato la presidente della Regione, Catiuscia Marini - Perugia e l’Umbria perdono un imprenditore di straordinaria intelligenza e capacità creativa. È stato un industriale molto legato alla sua terra che non ha mai accettato alcuna forma di subalternità imprenditoriale e culturale e che ha contribuito molto, con le sue imprese, alla crescita economica della nostra regione». Ultimo aggiornamento: 22:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Corinaldo, secondo i carabinieri sono 600 i biglietti venduti

di Mauro Evangelisti