Dalle lavatrici connesse a internet ai frigoriferi intelligenti: arrivano le case “smart”

Dalle lavatrici connesse a internet ai frigoriferi intelligenti: arrivano le case “smart”
di Filippo Bernardi
4 Minuti di Lettura
Martedì 28 Gennaio 2014, 08:26 - Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 15:25

Svegliarsi con la musica diffusa in tutta la casa tramite wi-fi, prendere il burro per la colazione da un frigorifero avveniristico, buttare un occhio al tg su una televisione a schermo concavo iper connessa e poi correre al lavoro con una mano alla ventiquattr'ore e l'altra intenta a digitare sullo smartphone il ciclo di lavaggio della lavatrice.

Un incubo? Forse per alcuni, per molti altri è la vita del futuro o smart life. La tecnologia che viene in nostro aiuto per farci guadagnare tempo. Il concetto di vita (e di casa) intelligente ha monopolizzato il Samsung European Forum 2014, l'evento annuale con cui il colosso sudcoreano presenta al vecchio continente i suoi nuovi prodotti. «La casa del futuro deve proteggere, essere flessibile e rispondere in maniera efficiente ai nostri bisogni», ha sottolineato il presidente di Samsung Europe Sunny Lee nel futuristico palazzo dei Congressi di Malaga.

La lavatrice I rumors avevano già escluso qualunque anticipazione sul telefono Galaxy S5 e sul phablet (fusione di phone e tablet) Note 4, ma in pochi pensavano che a prendere la scena sarebbe stata una cara vecchia, si fa per dire, lavatrice. L'elettrodomestico più bistrattato di casa, spesso coperto e relegato nei sottoscala, si prende una rivincita e si fa bello, a partire dal nome: Blue Crystal (costerà qualcosa meno di 2.000 euro). Curata nel design, non ha alcun pulsante: è solo touch. Ha un oblò più grande e più alto di quelli a cui siamo abituati ma soprattutto si connette ad internet. Così come la sua antenata con oltre mezzo secolo di vita, anche lei (almeno nelle intenzioni di Samsung) promette di renderci la vita migliore permettendoci di azionarla a distanza. E il frigo? Anche per quello ci sono novità. Samsung non porta in Italia il modello wi-fi già in commercio negli Usa ma ripensa al modo di conservare i cibi e nella versione (enorme nelle dimensioni) che entrerà quest'anno sul mercato europeo (aprile, circa 3.000 euro) introduce due scompartimenti, uno per i cibi (ma soprattutto le bevande) che usiamo di più, e uno per la conservazione di ciò che utilizziamo con minore frequenza.

Tv show Nella casa del futuro il centro di tutto è (o torna ad essere?) la televisione. Anche questa iperconnessa, sempre più contenitore di prodotti on demand e in grado di navigare su internet con la parte destra dello schermo mentre nella sinistra va in onda il posticipo di campionato. Ma chi ne avesse appena comprata una ultrapiatta da appendere in salotto si rassegni: il trend (per ora cavalcato in maniera convinta soprattutto da Samsung e Lg e completamente ignorato da altri tra cui Sony) è lo schermo curvo. Samsung ne offrirà una vasta gamma, sia in 4k, l'ultima frontiera dell'alta definizione (il modello da 65" costerà tra 4.000 e 5.000 euro) sia Led. Tra i prototipi c'è persino una versione in 3D che permette di vedere sullo stesso schermo due programmi contemporaneamente.

Tablet e smart glass In questa nuova concezione di casa anche gli smartphone e i tablet si trasformano da meri oggetti di lavoro o intrattenimento. A Malaga Samsung ha presentato due nuove tavolette, il Galaxy NotePro da 12.2” (899 euro comprensivo di tastiera) e il TabPRO (da 12.2”, 10.1” e 8.4”). Tra le novità anche stampanti che si mettono in funzione semplicemente sfiorandole con il nostro smartphone o azionandole a distanza tramite wi-fi e due fotocamere: la Galaxy Camera 2 (399 euro) e la nuova NX30 (999 euro con obiettivo 18-55).

Niente di ufficiale, invece, per quanto riguarda i Galaxy Glass, occhiali destinati a competere con i già famosi Google Glass e che secondo il Korea Times Samsung sarebbe pronta a lanciare a settembre in occasione dell'Ifa di Berlino. Samsung, spiega il sito asiatico, avrebbe già depositato i brevetti. Gli occhiali dovrebbero funzionare in simbiosi con uno smartphone, un po' come il Galaxy Gear, l'orologio smart della casa coreana, ad esempio mostrando notifiche sulle lenti quando arriva un sms o un'e-mail.

© RIPRODUZIONE RISERVATA